Ultime notizie scuola, sabato 11 marzo 2017: Valeria Fedeli su 'Il Messaggero'
‘Credo che sarebbe stato necessario coinvolgere prima tutti i soggetti interessati’ così si è espressa la ministra dell’Istruzione, Valeria Fedeli, a proposito per ‘cambiamento fortissimo’ rappresentato dalla Buona Scuola. Il numero uno del Miur ha rilasciato un’intervista al quotidiano ‘Il Messaggero’, di oggi, sabato 11 marzo. ‘Forse è stato proprio questo il problema – ha dichiarato la Fedeli – la mancanza di un dialogo, sia sui tempi sia sulle modalità di attuazione.’

Ultime notizie scuola, sabato 11 marzo 2017: Valeria Fedeli su ‘Il Messaggero’

Nel corso dell’intervista, viene sottolineato come occorra ‘superare il precariato e dare qualità al ruolo del docente, innanzitutto con un nuovo reclutamento. A questo tema è riservata una delle deleghe per me più importanti in discussione in Parlamento in queste settimane. Ai docenti poi chiediamo sempre più qualità e sempre più formazione, compresa la formazione in servizio. Di contro abbiamo l’obbligo di valorizzare il loro ruolo anche economicamente. Chi entra nella scuola come docente altamente formato deve avere anche un riconoscimento economico‘.

Scuola, rinnovo contratto: Fedeli ‘Deve obbligatoriamente arrivare, probabilmente entro l’anno’

Giusto, il riconoscimento economico. Ma allora cosa ne pensa il ministro del rinnovo del contratto che sta aspettando da oltre sette anni? ‘Il rinnovo deve obbligatoriamente arrivare, è un impegno che ci siamo dati. Non è accettabile che il contratto sia fermo da 7 anni. Aspettiamo l’iter previsto per il decreto Madia, ora all’attenzione delle Commissioni parlamentari, e poi procediamo con il rinnovo. Probabilmente entro l’anno’. 
Di quanto sarà l’aumento: ‘In base all’accordo dello scorso 30 novembre, firmato con le sigle sindacali, che riguarda tutta la pubblica amministrazione, è previsto un aumento medio di 85 euro, declinati poi sulle diverse professionalità’. Per quanto riguarda, invece, il bonus di 500 euro per la formazione, la Ministra Valeria Fedeli ha dichiarato come sia necessario ‘capire come e se ha funzionato. Faremo un esame dal punto di vista qualitativo e quantitativo dell’uso del bonus. Per quest’anno, comunque, resta di sicuro’.