Ultime notizie scuola, sabato 11 marzo 2017: Premio Nazionale degli Insegnanti, il commento di Pino Turi, segretario Uil Scuola

La scuola, il rapporto tra persone, docenti, personale Ata, dirigenti, alunni, famiglie non è una lotteria: queste le parole pronunciate dal segretario nazionale della Uil Scuola, commentando la nomina dei dieci docenti finalisti del Premio nazionale degli insegnanti, premio gemellato con il Global Teacher Prize di Dubai.

Ultime notizie scuola, sabato 11 marzo 2017: Premio Nazionale dei docenti, il commento di Pino Turi, segretario Uil Scuola

‘Per essere utile e efficiente, la scuola deve organizzare e realizzare un duro lavoro di squadra in cui oltre al fuoriclasse siano ben presenti quelli che tutti i giorni, con il loro silenzioso lavoro, fanno emozionare i propri alunni nel seno della loro comunità. E’ importante che si parli di una funzione come quella dei docenti che deve affrontare grandi sfide e molte volte anche in solitudine – ha sottolineato il segretario della Uil – E’ bene che se ne parli, e si capisca che bisogna dare supporto e valorizzare i docenti che con il loro esempio danno le dovute motivazioni ai propri allievi e producono i veri cambiamenti delle rispettive comunità scolastiche“.

Premio ai 10 prof più bravi d’Italia, Turi: ‘I 700mila docenti della scuola statale attendono fatti e atti di concreta attuazione’

‘Questa sorta di competizione a premi – ha proseguito Turi – se serve a ‘impressionare’ e attrarre l’attenzione di una comunità assuefatta ai Talent e ai messaggi promozionali, per rilanciare il ruolo della scuola e dei docenti che quella comunità dovranno orientare fuori dall’omologazione comunicativa, sarà utile; viceversa sarà fortemente negativa se si limiterà a seguirne la deriva. I circa 700.000 docenti si attendono fatti e atti di concreta attuazione che diano le condizioni alla maggior parte di loro di svolgere efficacemente il loro lavoro, anche fuori dalla ribalta mediatica che potrebbe suscitare delusione come quella che prova di solito chi, partecipando alla lotteria, non vince.’
Potrebbe interessarti:  Personale ATA: il part-time è compatibile con lo straordinario?