Docenti: informazioni e chiarimenti su ore da svolgere e durata unità formative
Docenti: informazioni e chiarimenti su ore da svolgere e durata unità formative

Come è ben risaputo, il Piano nazionale di formazione docenti è stato reso noto dalla Legge numero 107/2015. Tale formazione, è detto chiaramente, è obbligatoria e strutturale. Riguardo al concetto di obbligatorietà, su tale punto si tende a fare un po’ di confusione, in quanto molti (erroneamente) credono si riferisca al numero di ore predeterminato e non ai contenuti del Piano. Chiariamo, una volta per tutte, che l’obbligatorietà si riferisce categoricamente ai contenuti dei Piani di Formazione e non al numero di ore.

Docenti ed obbligatorietà: ecco quanto scritto nel Piano nazionale

Nel paragrafo sesto del Piano nazionale viene detto che le azioni formative di ogni docente sono inserite all’interno del Piano Triennale dell’Offerta Formativa. Questo, coerentemente con le scelte del Collegio Docenti “che lo elabora sulla base degli indirizzi del dirigente scolastico”. Sempre il paragrafo sesto chiarisce, in maniera evidente, che il concetto di obbligatorietà non va tradotta in uno specifico numero di ore che devono essere svolte annualmente, bensì nel rispetto di quanto contenuto nel piano. L’obbligatorietà ha a che fare con i contenuti del PTOF, contenente (lo ripetiamo) le azioni formative rivolte ai docenti.

Potrebbe interessarti:  Bussetti smentisce chi parla di tagli al sostegno: a breve nuovo TFA

Il numero di ore costitutive, altro concetto importante

A questo punto, analizziamo un altro aspetto importante: quello delle ore costitutive delle unità formative, a cui devono fare riferimento i docenti. Le attività formative rivolte agli insegnanti devono essere articolate in unità formative, aventi una durata di 25 ore ciascuna. Tale indicazione, è d’uopo chiarirlo, non è perentoria, questo lo assicura il Documento elaborato dal ministero dell’istruzione per lo sviluppo del Piano di Formazione docenti 2016-2019. In tale documento viene ribadito che l’obbligatorietà si svolge nel rispetto del contenuto del piano e non nel numero di ore da svolgere ogni anno. “La descrizione di una unità formativa può prendere spunto, da modelli simili elaborati in ambito universitario … Tale indicazione è puramente esemplificativa. Le istituzioni scolastiche possono, in coerenza con le scelte del Collegio dei docenti, modulare e quantificare l’impegno in relazione alla tipologia delle attività previste” (Fonte Orizzonte Scuola).