Ultime notizie scuola, domenica 12 marzo 2017: Istituto superiore trova il supplente su un giornalino locale

La mancanza cronica di insegnanti è stata, indubbiamente, una delle più problematiche più pesanti che la scuola pubblica italiana abbia dovuto affrontare in questo anno scolastico 2016/2017: una stortura derivante dall’insensato piano assunzionale indetto dalla Buona Scuola che, purtroppo, ha generato dei casi assurdi come quello che vi andiamo a raccontare.

Ultime notizie scuola, domenica 12 marzo 2017: Istituto superiore trova il supplente su un giornalino locale

Impartisco ripetizioni di Chimica‘: è il messaggio apparso su una ‘free press’ della zona di Pordenone. Un messaggio che ha suscitato la curiosità del dirigente scolastico di un Istituto Superiore di Sacile, in provincia di Pordenone: attraverso questo appello, il preside è riuscito ad individuare un insegnante supplente che nelle graduatorie ufficiali, ormai del tutto esaurite, era impossibile trovare. Un semplice trafiletto su un giornaletto locale ha permesso di risolvere un grave problema che la segreteria della scuola non era riuscita a risolvere, provando qualsiasi metodo ‘ufficiale’.
‘Non sapevamo più cosa fare e così le mie collaboratrici hanno notato l’annuncio – ha dichiarato al quotidiano ‘Il Secolo XIX’, Alessandro Basso, dirigente scolastico del Marchesini di Sacile. ‘Dopo un’ora questo giovane neolaureato era già in classe, davvero un ottimo acquisto sotto il profilo professionale.’

Potrebbe interessarti:  Scuola, precariato e riapertura Gae ultime notizie: presentati emendamenti in Commissione Senato

Già in passato le scuole avevano trovato in altri modi ‘non ufficiali’ i loro docenti

Non è la prima volta che assistiamo a vicende di questo genere: ricorderete, senz’altro, come altri dirigenti scolastici abbiano deciso, in precedenza, di pubblicare addirittura degli annunci su Facebook per cercare di risolvere i loro problemi di organico.  E’ il caso di una preside di Cordenons (Pordenone) che pubblicò un appello sulla propria bacheca Facebook, imitando una collega di Racconigi, in provincia di Cuneo, che un mese fa cercava insegnanti di sostegno: prima che qualcuno rispondesse all’annuncio, la dirigente è tornata in cattedra ad insegnare la sua vecchia disciplina, per non lasciare la classe scoperta per troppo tempo.