Assegnazioni provvisorie 2017/18, Fedeli: 'per il prossimo anno maggior rigore'
Assegnazioni provvisorie 2017/18, Fedeli: 'per il prossimo anno maggior rigore'

Il mondo della scuola è stato commentato dal Ministro Fedeli in un’intervista a “Il Messaggero”, dove si è parlato anche di assegnazioni provvisorie 2017/18, o mobilità annuale. Per il corrente anno scolastico, le assegnazioni provvisorie si sono svolte in deroga al blocco triennale di permanenza nella provincia di assunzione. Questo ha permesso di presentare la domanda anche ai neoassunti. Come conseguenza, migliaia di docenti si sono spostati da Nord a Sud. Purtroppo, essendoci stato enorme ritardo nelle operazioni, gli spostamenti sono avvenuti ad anno scolastico inoltrato con danno inevitabile agli alunni. Che dire del prossimo anno?
Scuola, ambiti territoriali 2017/18: decreti pubblicati dagli USR (in aggiornamento)

Fedeli: assegnazioni provvisorie 2017/18 nella scuola più rigorose

Il problema sorto lo scorso anno con le assegnazioni provvisorie, non deve ripetersi nell’a.s. 2017/18. Ne è convita il ministro Fedeli, che annuncia “daremo maggior rigore all’utilizzo e alla gestione delle assegnazioni provvisorie”. La situazione che ha danneggiato la continuità didattica non si dovrà ripresentare. Probabilmente, il maggior rigore implica il ripristino del blocco triennale nella provincia di assunzione, tolte le eccezioni previste dal CCNI. In quanto ai tempi, le premesse non sono di buon auspicio dato il ritardo sul contratto di mobilità.
Puoi seguire tutti i nostri articoli e aggiornamenti dalla nostra pagina Facebook.

Potrebbe interessarti:  Il personale supplente ha diritto alle ferie