Invito a partecipare ai Diplomati Magistrali

I diplomati magistrali si ritroveranno venerdì prossimo, 17 marzo, davanti al Miur di Roma in Viale Trastevere per le ore 9,30, in occasione dello sciopero generale della scuola indetto dai Cobas e dagli altri sindacati di base. Per l’occasione Anief metterà a disposizione dei pullman gratuiti per raggiungere la capitale. Tutti i diplomati magistrali sono invitati a partecipare.

IL COMUNICATO

I docenti della scuola primaria e dell’infanzia che hanno concluso il percorso di studi conseguendo entro l’a.s. 2001-2002 il diploma di istituto magistrale, sono in possesso di un titolo che risultava, e risulta a tutti gli effetti legali, abilitante all’insegnamento. Invece ai docenti in possesso di tale titolo è stato impedito di iscriversi nelle Graduatorie permanenti provinciali degli abilitati istituite con la legge 124 del 1999 e sono stati costretti a iscriversi nelle graduatorie dei non abilitati (III fascia di Istituto). Nel 2006 la legge 296/2006 (graduatorie ad esaurimento) trasformava le graduatorie permanenti in graduatorie ad esaurimento, pertanto chi non era inserito in tali graduatorie non avrebbe più avuto la possibilità di farlo. Solo nel 2014 il Miur ha riconosciuto il valore abilitante del titolo.
A questo punto rimaneva però la questione insoluta che ai docenti in possesso del titolo abilitante non era stata riconosciuta la possibilità di iscrizione nelle Graduatorie Permanenti fino al 2007 né consentita l’inclusione nel 2014 essendosi nel frattempo le stesse trasformate in Graduatorie ad esaurimento. Nuovamente i docenti sono stati costretti per affermare i propri diritti acquisiti ad adire le vie legali: cause e ricorsi sono stati presentati in questi anni a Tar, Consiglio di Stato, Giudici del lavoro.
La difformità delle sentenze e le varie interpretazioni e applicazioni delle stesse da parte dell’Amministrazione stanno però creando un ulteriore vulnus: infatti abbiamo docenti vincitori di cause, a cui viene riconosciuto il diritto di inserimento nella Graduatoria ad esaurimento ed altri docenti a cui i tribunali non riconoscono tale diritto. Inoltre gli Uffici Scolastici Provinciali si comportano in modo difforme inserendo i ricorrenti con punteggi non corrispondenti a quelli realmente acquisiti. Tale difformità comporta in molti casi l’ingiusta perdita del posto di lavoro dopo anni di insegnamento.  Si rimane ora nuovamente in attesa della plenaria del Consiglio di Stato la cui prossima adunanza nel merito dovrebbe essere fissata a breve.
È necessario pertanto un pronunciamento urgente del mondo politico per una rapida e corretta soluzione della questione. Per questo riteniamo che il 17 marzo debba assumere tra i suoi obiettivi una soluzione politica della vicenda interloquendo sia con i parlamentari a Montecitorio sia con il PD partito di maggioranza al governo e primo responsabile delle scelte di politica scolastica. Per questo proponiamo che i precari diplomati magistrali dopo o contestualmente al presidio a Montecitorio si spostino davanti alla sede del PD, chiedendo un incontro con i responsabili scuola del partito. Chiediamo l’inserimento dei diplomati magistrali nelle graduatorie ad esaurimento: è un nostro diritto!E’ ora di dire basta alle ingiustizie!

INVITIAMO TUTTE E TUTTI AL MIUR IL 17 MARZO ALLE ORE 9.30

Cobas Precari Roma
Comitato diplomati magistrali abilitati (C.D.M.A)
Gruppo Diplomati magistrali Roma-Bracciano-Cerveteri
M.D.M – Movimento diplomati magistrali
Nastrini Verdi – Lotta Civile (Diplomati magistrali in GAE)

Potrebbe interessarti:  Scuola, temperature interne: condizioni di agibilità sempre più precarie