Panico a Udine, tredicenne scompare dalla vista della nonna che lo stava accompagnando a scuola

Momenti di panico e di grande preoccupazione si sono vissuti nella giornata di venerdì 17 marzo a Udine per l’improvvisa scomparsa di un ragazzino di 13 anni. La vicenda che, fortunatamente si è conclusa nel migliore dei modi, fa, comunque, riflettere sui comportamenti e sui timori delle nuove generazioni. La nonna, come riportato dal quotidiano ‘Il Gazzettino’, aveva accompagnato a scuola il nipote con un po’ di anticipo rispetto all’inizio delle lezioni. La nonna, purtroppo, si è distratta per pochi secondi, spostando il proprio sguardo dalla vista del nipote, salvo poi accorgersi della sua sparizione: dunque, è bastato solamente un attimo perché il tredicenne facesse sparire le proprie tracce.

Panico a Udine, tredicenne scompare dalla vista della nonna che lo stava accompagnando a scuola

Comprensibile l’agitazione, il panico della donna che, immediatamente, ha cominciato a chiamare il nipote a gran voce e mettendosi a cercarlo da sola nelle vicinanze della scuola: quando poi si è resa conto di non riuscire a trovarlo, ha deciso di chiamare la Polizia della Questura di Udine per dare l’allarme. Naturalmente, le forze dell’ordine si sono messe subito in azione: il timore era che il ragazzino fosse scappato per volontà sua oppure che si fosse messo nei guai, magari raggirato da qualcuno.

Due ore di angoscia, poi il lieto fine e la curiosa spiegazione del ragazzo

Ci sono volute due ore, due ore trascorse nell’angoscia dai familiari del giovane che, poi, fortunatamente, è stato ritrovato. L’epilogo della vicenda è decisamente curioso: infatti, gli agenti della Polizia non hanno ritrovato il tredicenne in giro per la strada o in qualche parco, ma semplicemente a scuola, nella sua classe, ad assistere regolarmente alle lezioni, proprio come i suoi compagni. Il motivo della sua fuga? Semplice, non voleva che i suoi amici lo vedessero mentre la nonna, tenendolo per mano, lo accompagnava in classe. Così il ragazzo si è ‘svincolato’ rapidamente dalla donna per entrare a scuola senza farsi vedere dai compagni.