Concorso ATA 2017
Concorso ATA 2017

E’ indetto il concorso ATA per titoli per l’accesso ai ruoli provinciali, relativi ai profili professionali dell’area A e B del personale riservato al Personale Amministrativo, Tecnico e Ausiliare per l’anno scolastico 2016/17.  Il concorso è riservato solo a coloro che abbiano lavorato a tempo determinato, anche non continuativo, presso la scuola. Il bando di concorso è reperibile presso i vari siti degli Uffici Scolastici Provinciali, ad esclusione della regione Valle d’Aosta e delle province autonome di Trento e Bolzano. La domanda dovrà essere inviata entro il 19 aprile 2017.

Concorso ATA: ecco le figure richieste

Le figure da ricoprire sono:

  • Guardarobiere
  • Addetto alle aziende agrarie
  • Collaboratore scolastico
  • Assistente amministrativo
  • Assistente tecnico
  • Cuoco
  • Infermiere

I requisiti e titoli richiesti

Vediamo ora i requisiti richiesti per accedere al concorso ATA:

  • una anzianità di almeno due anni di servizio, sia full time che part time, di almeno 24 mesi, ovvero 23 mesi e 16 giorni anche non continuativi, prestato in posti corrispondenti al profilo professionale per il quale il concorso viene indetto e/o in posti corrispondenti a profili professionali dell’area del personale ATA statale della scuola immediatamente superiore a quella del profilo cui si concorre;
  • si considera anche il servizio effettivo prestato nelle corrispondenti precorse qualifiche del personale non docente statale, nonché nei corrispondenti precorsi profili del personale A.T.A. statale;
  • si considera unicamente il servizio effettivo prestato (di ruolo e non di ruolo) presso scuole statali, con esclusione del servizio prestato nelle istituzioni scolastiche della regione Valle d’Aosta e delle province autonome di Trento e Bolzano, con rapporto d’impiego con lo Stato e/o il servizio scolastico (di ruolo e non di ruolo) prestato con rapporto di impiego direttamente con gli Enti Locali i quali erano tenuti per legge a fornire alle scuole statali personale A.T.A.;
  • il servizio prestato nelle scuole italiane all’estero è equiparato al corrispondente servizio prestato in Italia;
  • viene considerato valido il servizio prestato in qualità di “collaboratore scolastico” e “assistente amministrativo” nelle Accademie, Conservatori di Musica e negli Istituti Superiori delle Industrie Artistiche dello Stato;
  • possesso del titolo di studio, che varia in base al profili professionale del personale ATA da ricoprire.
Potrebbe interessarti:  Stipendi docenti e ATA 2019: quanto guadagnano? Le tabelle aggiornate a marzo 2019
telegram-scuolainforma-336x280

Di seguito i titoli richiesti in base al ruolo da ricoprire:

  • Guardarobiere: diploma di qualifica professionale di Operatore della moda.
  • Addetto alle aziende agrarie: diploma di qualifica professionale di: operatore agrituristico; operatore agro industriale o operatore agro ambientale.
  • Collaboratore scolastico: diploma di qualifica triennale rilasciato da un istituto professionale; diploma di maestro d’arte; diploma di scuola magistrale per l’infanzia; Qualsiasi diploma di maturità; Attestati e/o diplomi di qualifica professionale, entrambi di durata triennale, rilasciati o riconosciuti dalle Regioni.
  • Assistente amministrativo: diploma di maturità
  • Assistente tecnico: diploma di maturità corrispondente alla specifica area professionale. La specificità è quella definita dalla tabella di corrispondenza titoli – laboratori vigente alla data del decreto di indizione del concorso.
  • Cuoco: diploma di qualifica professionale di Operatore dei servizi di ristorazione, settore cucina.
  • Infermiere: laurea in scienze infermieristiche o altro titolo ritenuto valido dalla vigente normativa per l’esercizio della professione di infermiere.

Modalità di invio delle domande

La scelta delle istituzioni scolastiche sarà effettuata attraverso  la modalità telematica. Tale applicazione web implica che i termini della trasmissione on-line del modello G saranno contestuali su tutto il territorio nazionale. Le modalità di invio saranno:

  1. per gli allegati B1, B2, F e H mediante raccomandata A/R ovvero consegnati a mano ovvero mediante PEC, all’Ambito Territoriale della provincia d’interesse entro i termini previsti dal relativo bando;
  2. per il allegato G mediante le istanze on-line, in un momento successivo. Per quest’ultimo non dovrà essere inviato il modello cartaceo in formato pdf prodotto dall’applicazione in quanto l’Ufficio territoriale destinatario lo riceverà automaticamente al momento dell’inoltro.