Formazione obbligatoria 2016/17, scuola: come funziona la piattaforma digitale
Formazione obbligatoria 2016/17, scuola: come funziona la piattaforma digitale

La legge 107/2015 ha introdotto la formazione obbligatoria dei docenti della scuola a partire dall’a.s. 2016/17. Il Documento per lo sviluppo del Piano di formazione specifica che la gestione è affidata ad una piattaforma digitale, che si occuperà di offera e domanda. Scopriamo insieme qualche dettaglio in più.
Formazione docenti 2016/19: nota Miur e indicazioni operative sul Piano

Scuola, formazione obbligatoria 2016/17: l’offerta

L’offerta della formazione obbligatoria è affidata a soggetti accreditati/qualificati ai sensi della Direttiva n.170/2016 (scuole comprese), che potranno inserire sulla piattaforma digitale le proprie iniziative in un catalogo che sarà consultabile dai docenti a partire dalla fine del mese di aprile 2017. Ogni inziativa deve contenere specifiche info, ovvero: titolo, obiettivi e descrizione sintetica, ambiti specifici e trasversali (direttiva n.170/2016), programma, durata, direttore del corso e i formatori previsti e competenze in uscita.
Ogni iniziativa formativa potrà avere 1 o più edizioni, di cui si dovranno conoscere:

  • periodo di tempo per l’iscrizione;
  • luogo e durata del percorso;
  • nominativi e i curriculum dei formatori;
  • eventuali risorse didattiche allegate.

La piattaforma consentirà a chi offre formazione di gestire le iscrizioni, gli attestati, il catalogo e consultare le offerte di altri enti. È possibile iscriversi tramite questo link.

Piattaforma digitale: la domanda di formazione

I docenti, come detto sopra, da fine aprile potranno consultare il cattalogo delle offerte formative e decidere a quali partecipare. Il percorso formativo non si svolge sulla piattaforma, ma al di fuori. La presenza dei docenti al percorso, però, sarà attestata dagli Enti sulla piattaforma (ricordiamo che sarà necessario partecipare ad almeno il 75% del totale delle ore previste). Al termine del percorso, il docente compilerà un questionario di gradimento per valutare la qualità del percorso svolto, sena il quale non potrà ottenere l’attestato di partecipazione. Ogni percorso formativo svolto, verrà inserito in un’apposita sezione della piattaforma riservata al docente e andrà a costruire la sua storia formativa. Chi ha seguito iniziative formative prima della piattaforma digitale, potrà inserirle successivamente, con modalità ancora da definire.