Certificazione unica 2017

Per la certificazione dei redditi scatta l’ora X per i tanti docenti che attendevano la documentazione che dal gennaio 2017 è stata completamente automatizzata su NOIPA. E’ prevedibile già da oggi che il sito verrà preso d’assalto dalle centinaia di migliaia di docenti che attendono la certificazione 2017 da consegnare poi ai vari Caf e commercialisti. Come dalla news di NOIPA, è a disposizione degli utenti per poter essere scaricata. Con pochi passaggi è già possibile averla a disposizione: vediamo come.

LA MODALITA’ DI ACCESSO ALLA DOCUMENTAZIONE

Per poter scaricare il documento della certificazione unica dei redditi percepiti nel 2016 sarà necessario effettuare il Login su Noipa. Bisognerà accedere all’area riservata e successivamente si dovrà cliccare sulla voce DOCUMENTAZIONI DISPONIBILI. Il passo successivo sarà quello di cliccare sulla voce ARCHIVIO CU (certificazione unica). In questa sezione si trova l’elenco dei vari CUD presentati nel corso degli ultimi anni. Il file all’interno è in formato pdf e potrà essere scaricato e salvato sul desktop per poterlo allegare alla dichiarazione dei redditi del 2016 con questa certificazione unica 2017.

COSA E’ PREVISTO

Come noto la gestione dell’intera posizione contributiva degli amministrati, introducendo le fattispecie previste dalla normativa vigente in tema di contribuzione figurativa e sulla retribuzione virtuale, che precedentemente venivano elaborate autonomamente dalle Amministrazioni, adesso è completamente digitalizzata. Nello specifico la contribuzione figurativa prevede la copertura contributiva ai fini pensionistici a carico dell’Istituto Previdenziale, mentre la contribuzione sulla retribuzione virtuale fa riferimento al Fondo Credito e ai contributi per TFR/TFS, a carico del datore e del lavoratore, da versare sull’intera retribuzione che il dipendente avrebbe percepito in costanza di servizio.

GLI ORARI DI MAGGIOR AFFLUSSO

telegram-scuolainforma-336x280

E’ prevedibile che migliaia di utenti si collegheranno a partire già da oggi pomeriggio, al termine delle lezioni, con il conseguente rischio di intasamento e blackout del sito. Il maggior traffico si registra di solito dalle 14,30 fino alle 19,30. Il consiglio è quello di ritentare il collegamento in orari diversi come già avvenuto con esito positivo all’epoca del cambio password di qualche tempo fa.