Precari scuola oltre i 36 mesi, il parlamento Europeo riprenderà in mano la questione
Precari scuola oltre i 36 mesi, il parlamento Europeo riprenderà in mano la questione

Precari della scuola oltre i 36 mesi: a Bruxelles si è preso atto che l’Italia non ha ancora applicato i trattati e la direttiva 1999/70, senza prendersi nemmeno la briga di replicare tramite il rappresentante governativo. Per questo motivo, in autunno verrà aperta al Parlamento europeo una seduta plenaria su questo tema, a seguito della seduta pubblica della Commissione per le petizioni sul precariato pubblico sanitario, scolastico, dei docenti Afam e degli enti locali siciliani, tenutasi a Bruxelles il 22 marzo scorso. L’impegno assunto dal Governo Letta nel 2013 di assumere i precari storici, è stato ignorato dal Governo Renzi. Lo Stato italiano è stato giudicato non degno di essere uno Stato dell’Unione europea.

Europa e precari oltre i 36 mesi: cosa aspettarsi?

Dalla discussione delle petizioni presentate da precari siciliani, scolastici, sanitari, tutti con periodi di servizio superiori a 36 mesi, è emerso un cattivo giudizio sulla Buona Scuola e il Jobs Act. Avvocati e rappresentanti del precariato italiano hanno illustrato le conseguenze della scelta della Cassazione di negare la tutela del precariato pubblico, scolastico e non. Quali saranno le conseguenze dell’esame dell’Europa sul comportamento del Governo Italiano? Non ci resta che restare a guardare.
Potrebbe interessarti: Scuola, sciopero 17 marzo: la Fedeli replica ai precari
Scuola, ricostruzione carriera: gli anni da precariato vanno riconosciuti, la sentenza