Ultime notizie scuola, venerdì 24 marzo 2017: ministra Valeria Fedeli 'Accelerare approvazione ddl su bullismo e cyberbullismo'

La ministra dell’Istruzione, Valeria Fedeli, in occasione dell’incontro alla Camera ‘Scuole contro l’odio.’ ha manifestato una dura condanna nei confronti del bullismo e del cyberbullismo, sottolineando la necessità di accelerare l’approvazione definitiva del disegno di legge ad hoc per contrastare questa vera e propria piaga sociale che sta investendo le nuove generazioni.

Ultime notizie scuola, venerdì 24 marzo 2017: ministra Valeria Fedeli ‘Accelerare approvazione ddl su bullismo e cyberbullismo’

Il Ddl contro il cyberbullismo dà molta importanza alla prevenzione, affidando oltre modo alla formazione un ‘ruolo decisivo’. Il Ministero dell’Istruzione sta già lavorando sulle linee guida per le scuole con l’obiettivo di valorizzare il lavoro che i docenti stanno già facendo a scuola e all’università. E’ quanto mai necessario fare in fretta, per dare un segno di concretezza alla politica: il ddl è già stato votato all’unanimità in Senato ed ora bisogna votarlo rapidamente anche alla Camera, affinché venga data più forza all’azione di contrasto del fenomeno e perché bisogna scegliere di costruire insieme una cittadinanza che rispetti tutti.

Potrebbe interessarti:  WhatsApp a scuola, dipendenza irrinunciabile per i docenti ma utile per i DS

Valeria Fedeli: ‘Il Miur sta già lavorando sulle linee guida per le scuole’

La Ministra Valeria Fedeli, poi, ha rammentato come nel prossimo autunno del 2018 ricorrerà l’ottantesimo anniversario ‘dalla promulgazione delle leggi razziali in Italia. Con il Miur faremo una campagna di conoscenza e dibattito per sensibilizzare i ragazzi contro il discorso d’odio’.
E’ importante sottolineare come le vittime del bullismo e del cyberbullismo non siano soltanto i giovani: basti ricordare il vergognoso episodio accaduto a Caltanissetta dove la Procura sta indagando per la diffusione di alcuni video fotomontaggi pornografici, realizzati da un gruppo di studenti ‘usando’ schifosamente i volti di alcune insegnanti.