Ultime notizie scuola, domenica 26 marzo: NoiPa, la brutta sorpresa delle trattenute sugli stipendi dei docenti

Non accennano a placarsi le proteste dei docenti per i ‘cedolini leggeri’ relativi agli stipendi di febbraio e marzo, una brutta sorpresa che ha suscitato legittima indignazione tra il personale. Come ribadito anche dal portale Informazione Scuola, il motivo per cui le trattenute sono state particolarmente alte è da ricondursi all‘Irpef regionale e comunale: in ogni caso, salvo rateizzazioni previste per alcuni dipendenti, l’importo degli stipendi dei prossimi mesi dovrebbe tornare nella ‘normalità’ (concedeteci questo termine pur considerando il vergognoso blocco stipendiale che si trascina dal 2009). Tra l’altro non dimentichiamo che molti docenti sono stati ‘costretti’ a restituire il bonus da 80 euro, visto che, a tutti gli effetti, basta davvero poco per superare la fatidica soglia.

Ultime notizie scuola, domenica 26 marzo: NoiPa, la brutta sorpresa delle trattenute sugli stipendi dei docenti

Se da una parte i docenti di ruolo continuano ad esprimere la propria indignazione per una retribuzione che, per un motivo o per un altro, è diventata vergognosa, dall’altra molti precari non ricevono gli emolumenti loro spettanti da diversi mesi: c’è chi si è fermato addirittura a novembre, c’è chi si è rivolto in segreteria sentendosi rispondere che i fondi non ci sono…’Ma io il mio lavoro lo devo fare comunque’ ha commentato Paola.

Potrebbe interessarti:  Stipendi docenti e ATA 2019: quanto guadagnano? Le tabelle aggiornate a marzo 2019

Precari, emissione speciale con lo stipendio di aprile? Su NoiPa ancora nessuna comunicazione

Intanto, sul portale NoiPa prosegue il silenzio in merito all’auspicata emissione speciale relativa agli stipendi dei docenti precari. Con buona pace dell’ex sottosegretario Faraone che, lo scorso anno, assicurò che non si sarebbero più verificati ritardi nei pagamenti delle supplenze: lui ha cambiato ‘poltrona’, i problemi sono rimasti, anzi sono peggiorati.