Scuola, docenti, studenti e ATA a rischio tumori per l'amianto: 2400 scuole contaminate
Scuola, docenti, studenti e ATA a rischio tumori per l'amianto: 2400 scuole contaminate

In Italia, ogni anno, ci sono 3.000 casi di malattie (tumori) collegate all’amianto : si stima che le scuole contaminate siano 2400, con 350mila studenti, 50mila docenti e ATA esposti al rischio. L’Italia ha una legge sulla messa al bando del “killer” dal 1992, che purtroppo non viene applicata come dovrebbe. Laura D’Aprile, dirigente del ministero dell’Ambiente, divisione bonifiche e risanamento, ieri, in un convegno nazionale organizzato dal Movimento 5 stelle alla Camera sui 25 anni dalla legge sull’amianto, ha spiegato: “Uno dei principali problemi è che mancano le discariche: a volte i monitoraggi non vengono effettuati perché poi nasce il problema di dove poter smaltire l’amianto…Qualcosa poi non ha funzionato nel fondo amianto: infatti sono disponibili 368.000 euro di finanziamenti ma sarà impiegato solo il 6,5% della disponibilità del fondo nel 2016. C’è scarsa sensibilizzazione, scarsa informazione, ancora oggi”.

Amianto, malattie e tumori: i rischi nella scuola

Docenti, studenti e ATA della scuola sono a rischio salute: i tumori legati all’amianto, è stato spiegato, sono diversi: andiamo dal mesotelioma (tumore al polmone spesso mortale) alla fibrosi polmonare, passando per tumori alle ovaie e alla laringe. L’amianto è un problema di tutela della salute pubblica e non solo dei singoli individui, ma in Italia c’è un miscuglio confusionario di norme che non aiuta a risolvere il problema.

Mappatura italiana amianto: quando?

Secondo i dati forniti dall’Osservatorio nazionale amianto, sono 2.400 le scuole italiane contaminate e che mettono a rischio la salute di chi ogni giorno si trova al loro interno. Ieri ad Avellino è stato presentato il progetto “Absesto 2.0“, per la mappatura dell’amianto nelle scuole che parte dall’Irpinia e arriverà in altre due città pilota, Alessandria e Pisa. Per raggiungere l’obiettivo saranno utilizzati anche droni dotati di telecamere ad alta risoluzione. Il progetto pilota dovrebbe fornire un quadro omogeneo del fenomeno a livello nazionale e poi essere esteso progressivamente su tutto il territorio.
Potrebbe interessarti: Scuola, visite psicologiche per docenti: il Miur questa volta fa sul serio

Potrebbe interessarti:  La salute diventa materia di insegnamento “trasversale” in tutte le scuole