Ultime notizie scuola, mercoledì 29 marzo 2017: Stefano Parisi, parole che non piaceranno affatto ai docenti precari

Il fondatore e leader di Energie per l’Italia, Stefano Parisi, è intervenuto come ospite nel programma radiofonico di Rai Radio 2 ‘Un giorno da pecora‘, nella puntata andata in onda ieri, martedì 28 marzo.

Ultime notizie assunzioni docenti, mercoledì 29 marzo 2017: Stefano Parisi, parole che non piaceranno affatto ai precari

L’ex candidato al ruolo di sindaco di Milano ha sottolineato l’importanza che rivestirà il suo movimento politico nei prossimi venti anni, come alternativa al PD e a Beppe Grillo, con la convinzione di poter arrivare a conquistare almeno il dieci per cento dell’elettorato.
Ribadendo la necessità di tagliare drasticamente la spesa pubblica, Parisi ha parlato anche dell’attuale situazione relativa al mondo della scuola, rilasciando delle dichiarazioni che non mancheranno di far discutere: dichiarazioni che, indubbiamente, non piaceranno affatto ai docenti precari, soprattutto a coloro che, da anni e anni, stanno attendendo invano la loro stabilizzazione.

Scuola, Stefano Parisi: ‘Assunzioni? Abbiamo bisogno di meno insegnanti, più pagati e più formati’

Questa la frase ‘ad effetto’ dell’ex pupillo di Silvio Berlusconi. ‘Per esempio, oggi Renzi, attraverso il suo Ministro della Pubblica Istruzione, propone l’assunzione di ulteriori 25mila insegnanti. Questo migliora la scuola o garantisce il posto di lavoro ai sindacati?”.
A Parisi viene chiesto il perché di questo suo punto di vista e perché non ritiene che un numero maggiore di assunzioni possa dare più stabilità alla scuola: ‘Il problema non è la stabilità ma la qualità dell’insegnamento. Abbiamo bisogno di meno insegnanti, più pagati e più formati, piuttosto che continuare ad infornare persone. Bisogna cambiare la scuola per poter avere insegnanti di qualità che diano qualità ai nostri ragazzi”.