Ultime notizie scuola, giovedì 30 marzo: elezioni amministrative, fine lezioni e scrutini

Sappiamo bene come, tradizionalmente, il mese di giugno sia soggetto a consultazioni elettorali e che quindi il calendario scolastico, nelle diverse regioni, possa essere passivo di variazioni. In merito a questo, è noto come la data per le prossime elezioni amministrative sia stata fissata dal ministro dell’Interno Marco Minniti con proprio decreto per il prossimo 11 giugno: sempre nello stesso decreto, viene precisato che l’eventuale turno di ballottaggio per l’elezione diretta dei sindaci avrà luogo domenica 25 giugno. Ricordiamo, a questo proposito, che le prossime elezioni amministrative riguarderanno 1021 comuni: potete consultare l’elenco qui sotto.
elenco_enti_amministrative_2017

Ultime notizie scuola, giovedì 30 marzo: elezioni amministrative, fine lezioni e scrutini

L’11 giugno è, indubbiamente, una data che rischia seriamente di interferire con le attività di fine anno, anche e soprattutto tenendo presente che, in diverse regioni, il termine delle lezioni è stato fissato proprio intorno al 10 giugno. Di fronte a queste circostanze, le scuole potranno decidere di terminare anticipatamente le lezioni in modo da avere il tempo per svolgere regolarmente gli scrutini.
L’autonomia scolastica permette, infatti, di poter apportare variazioni lievi rispetto al calendario scolastico regionale, a condizione che vengano rispettati i limiti dei 200 giorni minimi di lezione, secondo quanto previsto dalla legge. Nella maggior parte dei casi le richieste riguardano aperture anticipate che danno l’opportunità di programmare alcune pause flessibili nel corso dell’anno scolastico: anche per le elezioni amministrative, perciò, sarà possibile operare una variazione.
Tra l’altro, ci sono scuole che hanno effettuato questa variazione già in anticipo. In ogni caso non mancheranno le polemiche da parte di coloro non si dimostrano d’accordo sull’utilizzo dei locali scolastici per le elezioni: senza contare il fatto che molti genitori avranno il problema della gestione dei figli in quei giorni di chiusura.

Potrebbe interessarti:  Personale ATA: il part-time è compatibile con lo straordinario?