Riforma scuola, stop all'abilitazione: il nuovo modo di diventare docenti
Riforma scuola, stop all'abilitazione: il nuovo modo di diventare docenti

Tutta la scuola è in attesa dell’approvazione definitiva del DL da parte del Governo, che modificherà il modello di formazione iniziale e reclutamento dei docenti: per diventare insegnanti non servirà più l’abilitazione, ma arriva FIT. Per chi è già abilitato e per chi ha alle spalle 36 mesi di servizio al momento dell’approvazione del decreto, vi sarà una fase transitoria che permetterà di ottenere l’immissione in ruolo.

FIT: diventare docenti nella scuola dopo la riforma

Chi non entrerà a far parte del sistema transitorio previsto dal Governo nella riforma per il reclutamento nella scuola, dopo aver acquisito la laurea dovrà superare un concorso e poi potrà accedere al percorso FIT, che prevede un contratto di formazione di tre anni. Dopo il III ciclo del TFA previsto e promesso, l’abilitazione per accedere al ruolo non ci sarà più. Per essere assunti sarà necessario seguire il percorso FIT, che comunque prevede una forma di retribuzione. Quando entrerà in vigore il nuovo regime? Il prossimo concorso è previsto nel 2018, per cui a seguire partirà FIT. Si spera che nel frattempo venga mantenuta la promessa di svuotare le GaE, le GI del concorso 2016, la II fascia di istituto e di stabilizzare i precari con 36 mesi di servizio.
Scuola, visite psicologiche per insegnanti: il Miur questa volta fa sul serio