Ultime notizie scuola, giovedì 30 marzo 2017: maestra fa scrivere ad un bambino per 10 volte 'Io sono stupido'
Una vicenda, quella accaduta in una scuola primaria del Veneto orientale (ovviamente non specificata) che non mancherà di sollevare polemiche. Come riportato da diversi portali d’informazione come ‘La nuova Venezia’ e ‘Orizzonte Scuola’, un bambino si sarebbe visto costretto dalla propria maestra a scrivere sul quaderno ‘Io sono stupido’ per 10 volte come punizione per un comportamento in classe non appropriato.

Ultime notizie scuola, giovedì 30 marzo 2017: maestra fa scrivere ad un bambino per 10 volte ‘Io sono stupido’

Durante una lezione, infatti, il bambino ‘punito’ avrebbe tirato sul viso del compagno di classe un tubetto di colla. Il compagno di classe avrebbe risposto al gesto dandogli dello “stupido”. L’insegnante avrebbe dapprima sgridato il bambino salvo poi impartirgli una punizione consistente nello scrivere sul quaderno del secondo ‘Io sono stupido’ per 10 volte sul quaderno.

Tornato a casa il bambino punito ha mostrato il quaderno alla mamma, la quale non ha esitato a chiedere spiegazioni prima al figlio e poi, successivamente, alla scuola, evidentemente inviperita per il trattamento subìto dal figlio.

La madre protesta nei confronti dell’insegnante: ‘Non è la prima volta’

‘Si tratta di atteggiamenti prevaricatori della maestra e scelte del castigo che a mio avviso non vanno bene’ ha dichiarato la donna, salvo poi ammettere il fatto che il figlio ‘sia un po’ esuberante e qualche volta si fa trasportare dall’euforia degli altri compagni. Non è la prima volta che la maestra utilizza con lui il metodo di fargli scrivere più volte sul quaderno frasi di punizione. Un’altra volta aveva fatto il verso ‘uahaha’ a un altro alunno ed era stato costretto a scrivere dieci volte ‘a me piace fare il verso uahaha’ sul quaderno. Questa volta però la maestra ha davvero esagerato e andrò fino in fondo. Tutto ciò perché possono influire negativamente sulla percezione che mio figlio ha di se stesso ora e in futuro per lo sviluppo della sua personalità. Cerco sempre di raccomandare ogni volta che mi è possibile a mio figlio che, se ha un problema con un compagno, si rivolga alla maestra, sperando che queste prendano posizione valutando la situazione in modo equilibrato. Ma non ritengo giusto che mio figlio debba essere umiliato in questa maniera anche dovendo ripeterlo per iscritto per dieci volte’. Secondo la madre, anziché fargli scrivere “Io sono stupido”, sarebbe stato più corretto fargli scrivere: “Questo comportamento è stupido”.
Potrebbe interessarti:  Faenza, il gesto della classe per la compagna: ministro Bussetti 'Sono fiero di voi'