Ultime notizie scuola, venerdì 31 marzo 2017: bando concorso dirigenti scolastici entro la fine di aprile

Il concorso per dirigenti scolastici, attesissimo da molti docenti, dovrebbe essere ormai giunto in prossimità del traguardo: come riportato, infatti, dal quotidiano ‘Il Corriere della Sera’, il bando dovrebbe essere pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale entro il 30 aprile prossimo.

La novità più rilevante, senza dubbio, dovrebbe essere rappresentata dall’ampliamento di posti banditi, che arriverebbero a quota 2000, un numero che, di conseguenza, dovrebbe bastare a coprire almeno i ‘buchi attuali’.
C’è da sottolineare, comunque, che i tempi non consentiranno certamente l’immissione in ruolo a settembre 2017 e, dunque, almeno per il prossimo anno scolastico, si ripeteranno i disagi conseguenti alle indispensabili reggenze.

Ultime notizie scuola, venerdì 31 marzo 2017: bando concorso dirigenti scolastici entro la fine di aprile

Ricordiamo che per poter accedere al concorso si dovrà essere in possesso di un diploma di laurea magistrale, specialistica o conseguita secondo il vecchio ordinamento, di diploma accademico di II livello o diploma accademico di vecchio ordinamento e avere cinque anni di insegnamento, anche se da precario.

Per quanto concerne le prove da sostenere, avremo la prova selettiva che consisterà in 50 quesiti a risposta multipla: i candidati ammessi alla prova scritta saranno un numero pari a tre volte i posti disponibili. La prova scritta, invece, prevederà 50 domande a risposta aperta, di cui una in lingua straniera, sulla normativa scolastica, l’organizzazione del lavoro e del personale, la valutazione e l’autovalutazione, diritto civile e amministrativo, contabilità di Stato, i sistemi educativi dell’Unione europea ma anche la modalità di conduzione di organizzazioni complesse.

Concorso dirigenti scolastici: numero di posti, requisiti, prove e immissioni in ruolo

Tutti coloro che riusciranno a superare l’esame scritto, potranno sostenere la prova orale consistente in un colloquio sulle materie d’esame, sull’informatica e sulla lingua straniera.
I vincitori potranno accedere così ad un corso di formazione di 4 mesi, al termine del quale, in caso di superamento dei test finali, verranno ammessi al tirocinio di 4 mesi.
Il ruolo in cui i vincitori del corso-concorso verranno assunti sarà determinato sulla base dell’ordine di graduatoria e delle preferenze espresse dai candidati. La graduatoria verrà redatta in considerazione di una tabella di valutazione, che assegnerà fino a 30 punti ai titoli culturali, di servizio e professionali.

Potrebbe interessarti:  Pubblicazione graduatorie di merito concorso straordinario per luglio difficile