Ultime notizie scuola, domenica 2 aprile 2017: 'Renzi, il mondo della scuola ti ha già risposto'

L’ex Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, è tornato sull’argomento Buona Scuola, la riforma che, probabilmente, insieme a quella del Jobs Act, ha determinato il più grande dissenso popolare: l’ex premier, pur ammettendo di aver ‘sbagliato approccio’, ha invitato tutti ad indicare un punto positivo e uno negativo sulla Buona Scuola.

Ultime notizie scuola, domenica 2 aprile 2017: ‘Renzi, il mondo della scuola ti ha già risposto’

A questo proposito, è interessante la risposta contenuta in una lettera inviata ad Orizzonte Scuola e firmata da Pasquale G. Romeo, all’interno della quale si sottolinea come il mondo della scuola abbia già risposto ampiamente alla Buona Scuola e, semmai, chi debba dare delle ‘precise e puntuali indicazioni’ debba essere proprio l’ex premier Matteo Renzi.
Del resto, sui vari gruppi Facebook dedicati ai problemi della scuola, emerge un denominatore comune indiscutibile: per chi lavora nella scuola, Matteo Renzi ‘non esiste più’, il suo nome è stato cancellato e dimenticato, e con lui il Partito Democratico che insiste nel non voler cambiare direzione e di voler proseguire con la legge 107, attraverso l’attuazione dei decreti delegati.
Pertanto si ritiene che il mondo della scuola, come si legge nella lettera, abbia già ampiamente risposto all’ex premier: ‘Lo ha fatto attraverso scioperi avverso la così definita “Buona Scuola”, di cui uno di vasta portata, e lo ha fatto lo scorso 4 dicembre votando NO anche alla sua politica scolastica. Ignorando tutto ciò, lo scorso 14 gennaio il Governo approva in via provvisoria i “Decreti Delega” della citata Legge 107/2015.
Matteo Renzi, se vuole, è ancora in tempo a ricucire con il mondo della scuola. Resta pochissimo tempo, appena due settimane per ritirare definitivamente i Decreti Delega e riscrivere in termini condivisi una vera riforma scolastica!’
Potrebbe interessarti:  Comitato Ricorrenti concorso DS 2011: ora basta, il governo mantenga gli impegni presi