Scuola, Gabriele Toccafondi attacca Governo M5S-Lega su reddito cittadinanza

Il testimone è passato dalle mani di Stefania Giannini a quelle della neo ministra Valeria Fedeli, ma non è cambiato nulla per quanto riguarda il ‘trattamento speciale’ riservato alle scuole paritarie dal dicastero di Viale Trastevere. Il sottosegretario al Miur, Gabriele Toccafondi, rimasto saldamente al suo posto anche dopo l’avvento del neopremier Paolo Gentiloni, ha ribadito il concetto, caso mai qualcuno se lo fosse dimenticato.

Ultime notizie scuola, domenica 2 aprile 2017: Toccafondi ‘Scuole paritarie svolgono ruolo fondamentale’

Paritarie, scuole non statali che svolgono un ruolo fondamentale. – le parole pronunciate da Toccafondi in occasione del convegno ‘La strada dell’accoglienza’ organizzato dalla Federazione italiana scuole materne Toscana – Per questo il Miur riconosce un contributo che quest’anno prevede un aumento e un fondo per la disabilità. In Toscana il contributo sarà di 25 milioni e aiuterà le migliaia di famiglie che scelgono le scuole non statali. Abbiamo fatto una scelta precisa aiutare le scuole statali e quelle non statali, perché crediamo nella scuola. Abbiamo dato stabilità al fondo dei contributi e aumentato il fondo con risorse dedicate ad aiutare scuole e famiglie sulla disabilità. Sbloccato le risorse Pon aprendole anche alle paritarie che così avranno possibilità di partecipare con progetti al pari delle scuole statali, progetti che poi saranno valutati e se validi finanziati.

Potrebbe interessarti:  Organici scuola, il Miur comunica i dati INPS sulle cessazioni 2019

Toccafondi: ‘Se a qualcuno interessa l’educazione, non può che voler far crescere la scuola, statale e non statale’

Abbiamo raddoppiato le detrazioni fiscali per le famiglie che da qui al 2019 arriveranno a 800 euro all’anno a bambino – ha sottolineato Gabriele Toccafondi – grazie a questo lo stato inizia a riconoscere alle famiglie un aiuto nelle scelta educativa. Insieme a questo è partito il piano straordinario di contrasto ai diplomifici che ha portato a circa 30 proposte di chiusura di scuole. Se a qualcuno interessa l’educazione, cioè la crescita dei ragazzi, non può che voler far crescere la scuola, investire. Sia essa statale che non statale‘.