Scuola, punteggio graduatorie e mobilità 2017/18: cosa fare in caso di errori nel calcolo
Scuola, punteggio graduatorie e mobilità 2017/18: cosa fare in caso di errori nel calcolo

Quando nelle graduatorie interne di istituto e nella mobilità si presentano errori di valutazione nel calcolo del punteggio spettante al docente, è possibile richiederne la correzione. La penalizzazione che ne deriverebbe non sarebbe giusta. Quale procedura seguire? Quella indicata nell’articolo 17 dell’ipotesi di CCNI sulla mobilità 2017/18.

Errori nel calcolo del punteggio: graduatorie interne e mobilità 2017/18

Quando viene commesso un errore nel calcolo del punteggio in relazione alle graduatorie interne di Istituto o una errata valutazione delle domande di mobilità, è possibile presentare reclamo entro dieci giorni dalla pubblicazione o notifica dell’atto emanato. Il reclamo, presentato dal diretto interessato, viene esaminato. Se riconosciuto valido, vengono adottati i necessari provvedimenti correttivi entro i successivi dieci giorni, mai oltre la data di inserimento a sistema delle domande fissata dall’OM. Quando viene presa una decisione su un reclamo, non è più possibile contestarla in quanto si tratta di atto definitivo.

Accesso agli atti per la mobilità

L’accesso agli atti relativi alle operazioni di mobilità spettano all’Ufficio dell’Amministrazione presso il quale è stata presentata la domanda. Sarà questo Ufficio ad acquisire gli atti relativi a domande presentate presso altri Uffici dell’amministrazione.

Potrebbe interessarti:  ATA controlli graduatorie: diplomi falsi col massimo dei voti e telefoni irraggiungibili