Ultime notizie scuola, lunedì 10 aprile 2017: filma la prof sotto la gonna, tre studenti denunciati
La notizia, pubblicata dal quotidiano ‘Il Messaggero Veneto’ edizione del Friuli è di quelle che ti lasciano senza parole ma che rendono, purtroppo, l’idea di quanto sia diventata difficile la vita dell’insegnante. La vicenda si è svolta in una scuola superiore della provincia di Pordenone, che, per ovvie ragioni, resta nell’anonimato: tre gli studenti denunciati per aver filmato di nascosto una docente mentre stava facendo lezione.

Ultime notizie scuola, lunedì 10 aprile 2017: filma la prof sotto la gonna, tre studenti denunciati

L’insegnante non si era accorta di nulla ma uno degli alunni ha attirato la sua attenzione, facendo presente che alcuni compagni, con il loro cellulare, stavano guardando un video con particolari ‘intimi’ della professoressa. Di fronte alla segnalazione dello studente, la docente ha chiesto ai tre ragazzi di poter vedere il video che era stato registrato poco prima e da qui l’amara scoperta: seppure non fosse stato inquadrato il volto, la prof ha ‘riconosciuto’ sé stessa e ha deciso di sporgere denuncia nei confronti di tre studenti, un maggiorenne e due minorenni.

La prof denuncia gli studenti per violazione della privacy, molestie e scambio di immagini inerenti alla sfera sessuale

Stando alle prime ricostruzioni effettuate dai carabinieri, lo studente che ha realizzato il video, fingendosi interessato alla lezione, si è avvicinato all’insegnante che si trovava in piedi davanti alla lavagna e, di nascosto, ha realizzato una breve ripresa sotto la gonna per poi tornare rapidamente al proprio posto e mostrare i contenuti del video ad alcuni compagni.
La accuse mosse nei confronti dei tre studenti sono violazione della privacy, molestie e scambio di immagini inerenti alla sfera sessuale: da quanto si è appreso, sembra, però, che il video non sia stato condiviso su internet o comunque diffuso sul Web. Ora si attende il giudizio della magistratura.
Come riportato da ‘Il Messaggero Veneto’, la notizia ha fatto il giro della scuola ed è molto probabile che, per la gravità dell’episodio, verranno prese ulteriori misure restrittive in merito all’uso dei cellulari in classe.
Potrebbe interessarti:  Unicobas Milano: ricorso rivolto a tutti i docenti per il recupero integrale della ricostruzione di carriera