Nuovi concorsi ordinari e percentuali disponibilità posti per le immissioni in ruolo

Dopo avervi illustrato le procedure riguardanti i nuovi concorsi riservati ai docenti abilitati iscritti in seconda fascia di istituto e quelli speciali per i precari non abilitati con 3 anni di servizio, parliamo, in questa sede, dei nuovi concorsi ordinari, quelli a cui si potrà accedere con il mero possesso della laurea quinquennale.

Nuovi concorsi ordinari e percentuali disponibilità posti per le immissioni in ruolo

Per quanto riguarda le disponibilità dei posti, occorre dire che ai vincitori dei nuovi concorsi ordinari saranno destinate le disponibilità che residueranno dopo avere provveduto all’immissione in ruolo dei vincitori dei suddetti concorsi riservati secondo le percentuali che verranno loro destinate e di cui abbiamo parlato ampiamente.
Le nuove selezioni concorsuali ordinarie saranno bandite con frequenza biennale. Secondo quanto riportato dal quotidiano ‘Italia Oggi’ e in base alla relazione tecnica allegata al decreto attuativo, il prossimo concorso ordinario avrà luogo nel 2018, anche se le immissioni in ruolo vere e proprie partiranno dall’anno scolastico 2020/2021. Le assunzioni faranno capo allo stesso bacino di disponibilità che verrà utilizzato per i vincitori del concorso riservato ai precari non abilitati con 3 anni di servizio, al netto, però, della quota che verrà loro riservata
Secondo le stime provenienti da fonte governativa, le percentuali di disponibilità dovrebbero essere le seguenti: nell’anno scolastico 2020/21 il 16,4 per cento; nel 2021/2022 il 19,2 per cento; nel 2022/2023 il 37,5 per cento; nel 2023/2024 il 40,5 per cento; nel 2024/2025 il 59.9 per cento; nel 2025/2026 il 62.5 per cento; nel 2026/2027 il 72.1 per cento e infine nel 2027/2028 il 73,4 per cento.

Potrebbe interessarti:  Concorso straordinario infanzia e primaria: comunicato Miur e tabella domande