1500 nuovi dirigenti scolastici in arrivo

Nel corso dell’incontro tenutosi ieri al Miur con i sindacati si è parlato anche di dirigenti scolastici. Il tema della loro valutazione è stato terreno di confronto tra le parti. In relazione a ciò i sindacati hanno avuto la rassicurazione che la valutazione dei dirigenti scolastici non avrà riverberi negativi sulla retribuzione di risultato. Nei giorni scorsi c’era stata la levata di scudi dell’ANP che aveva annunciato una mobilitazione su questo punto. Subito dopo si è tornati a discutere del prossimo concorso a dirigente scolastico. Anche qui il Miur ha tenuto a precisare che sono necessarie alcune modifiche.

LA REVISIONE DEL REGOLAMENTO

Il Mef e la Funzione Pubblica avevano rimarcato la necessità di apportare alcune correzioni al Regolamento. Nello specifico veniva chiesto che in esso fosse disciplinato il corso-concorso. Non meno importanti le modalità del suo svolgimento, per le quali si richiama l’attenzione, affinché vengano espressamente disciplinate. Questo comporta una dilazione dei tempi inizialmente previsti data dalla necessità di avere un nuovo parere. Il CSPI e il Consiglio di Stato esprimeranno pareri obbligatori. A questi si aggiungeranno quelli non obbligatori del Mef e della Funzione Pubblica.

LA TEMPISTICA DEL BANDO

Le necessità di revisione sopra descritte hanno comportato perciò uno slittamento dei tempi per le rispettive pubblicazioni. Il Regolamento vedrà la luce nel mese di maggio, determinando quindi l’uscita del bando prima della prossima estate. Il percorso che porterà alla sua promulgazione comincerà dall’approvazione del Mef, passando per la pubblicazione del Regolamento in Gazzetta Ufficiale. Successivamente saranno la Corte dei Conti e il Consiglio di Stato a dare il via libera. Il numero dei posti messi a concorso è di 1500 unità e servirà ad eliminare il problema delle reggenze. Sarà valido anche il servizio di 5 anni prestato in qualità di precari. A meno di ulteriori contrattempi se ne dovrebbe parlare dunque per i primi giorni del mese di giugno.

Potrebbe interessarti:  Personale ATA: precisazioni su malattie, riposi e permessi ad ore