Sciopero contro i test INVALSI, giorno 3 e 9 maggio 2017
Sciopero contro i test INVALSI, giorno 3 e 9 maggio 2017

Quelli che sono stati indetti da Cobas e Unicobas il 3 e il 9 maggio prossimi, sono due scioperi contro la consueta somministrazione, oramai attiva dal 2009, dei contestatissimi test INVALSI. Le prove si svolgeranno, secondo quanto diramato in queste ore, durante la prima decade di maggio in tutte le scuole secondarie di primo e secondo grado.

Sciopero di mansione, solo 17,50 € decurtate dallo stipendio per dire no ai test INVALSI

Si tratta, in effetti, dell’indizione di due scioperi di ‘mansione’, ovvero di uno ‘stop’ lavorativo, relativo solo all’unità oraria in cui si svolgerà la somministrazione dei test. Quindi, lo sciopero non comporterà la decurtazione salariale dell’intera giornata lavorativa del docente aderente. Il lavoratore che deciderà di aderire a tale forma di protesta lo farà solo per la singola ora di svolgimento del famoso test standardizzato. Il costo che sarà decurtato dall’emolumento del docente sarà pari a 17,50 euro. Successivamente, il docente che aderirà alla forma di protesta di mansione continuerà a svolgere le lezioni previste, secondo il proprio orario di servizio.

Potrebbe interessarti:  Unicobas Milano: apprezzamento per la scelta della DS. dell’IC Capponi dott ssa Conte in materia di mensa scolastica

I sindacati di base indicono lo sciopero contro l’INVALSI per esprimere tutto il dissenso: ‘Non somministriamo quei test’

Piero Bernocchi e Stefano D’Errico dei sindacati di base, rispettivamente Cobas e Unicobas, a proposito della mansione di somministratore da parte dei docenti, precisano: “Si trasforma la figura del docente, derubricato a somministratore di prove standardizzate e illustratore di manuali per quiz“. Secondo i due noti esponenti dei principali e più rappresentativi sindacati di base, con lo sciopero dell’intero comparto della scuola di mercoledì 3 e di martedì 9 maggio 2017, finalmente si porrà in essere una palese manifestazione di dissenso generale verso questa forma di valutazione ‘ibrida’ attraverso la somministrazione dei test INVALSI che, con i nuovi decreti, assumono un’importanza non indifferente.

Lo slogan della contestazione: ‘Boicottiamo i test INVALSI’

Lo slogan delle due giornate di sciopero sarà: “Boicottiamo i test INVALSI“. Proprio con questo intento che, ‘il 3 e il 9 maggio prossimi, sono state indette due giornate di manifestazioni, scioperi e proteste dei docenti e del personale tecnico e amministrativo della scuola’.