Gite scolastiche: il sondaggio di Skuola.net, i dati fanno riflettere

Gite scolastiche, un vero e proprio cruccio della scuola pubblica italiana. Un sondaggio effettuato dal sito Skuola.net ha messo in evidenza come i docenti siano sempre meno propendi ad accompagnare i ragazzi nei viaggi di istruzione. E così, gli studenti che rimangono a casa sono quasi la metà.

I dati sono emblematici: secondo il 39 per cento dei ragazzi intervistati dal noto portale studentesco, i professori avrebbero detto NO alla proposta di accompagnarli in gita.

Gite scolastiche: il sondaggio di Skuola.net, i dati fanno riflettere

‘I motivi sono tanti: sono sempre gli stessi insegnanti a dare la disponibilità, portare i ragazzi in gita è una grande responsabilità, non c’è nessun tipo di incentivo da parte della scuola e spesso la disponibilità si traduce in un onere’.

Non parliamo poi dell’enorme difficoltà nella gestione di una scolaresca, anche perchè le sorprese sgradite sono sempre dietro l’angolo, anche da parte di ragazzi che pensi di conoscere bene. C’è chi fa uso di alcool e il ‘contagio’ del vizio è molto frequente durante le gite scolastiche, dove sembra che tutto diventi sinonimo di ‘trasgressione’. Due studenti su cinque alle superiori hanno ammesso di essersi allontanati dall’albergo la sera, mentre almeno uno su cinque si è esposto a situazioni rischiose, come quella (classica) di passare da una camera all’altra senza farsi ‘beccare’ dai prof.

Gite scolastiche: i prof non intendono assumersi assurde responsabilità

E poi, qual è il professore che, a fronte di un compenso uguale a zero, si vuole prendere la responsabilità di badare ad un gruppo di scalmanati? Per di più una recente sentenza della Cassazione ha stabilito che gli accompagnatori sono obbligati a reperire strutture alberghiere il più possibilmente sicure. La sentenza faceva seguito a una denuncia presentata dai genitori di una ragazza (e a carico dei docenti-accompagnatori) che rimase gravemente ferita dopo essere precipitata dalla terrazza dell’albergo dove alloggiava con i compagni durante la gita scolastica. La Cassazione ritenne giusto che sugli accompagnatori debba gravare l’onere dell’accertamento delle misure di sicurezza delle strutture alberghiere.
Potrebbe interessarti:  Concedere l' assegnazione provvisoria anche ai docenti ammessi al FIT