Dottorati di ricerca: le nuove linee guida accreditamento
Dottorati di ricerca: le nuove linee guida accreditamento

La ministra dell’istruzione Valeria Fedeli ha di recente firmato le nuove linee guida per l’accreditamento e l’attivazione dei nuovi dottorati di ricerca all’interno delle Università italiane. A comunicarlo è lo stesso Miur. Le nuove disposizioni prevedono: un accertamento più capillare della qualità delle attività di studio, requisiti di accreditamento più semplici e più attenzione ad ambienti come laboratori e biblioteche. Tra queste innovazioni, è da citare anche un maggior spazio all’internazionalizzazione.

Dottorati di ricerca: un ambiente più fertile e qualificato

Il documento riguardante le nuove linee guida accreditamento per i futuri dottorati di ricerca, è stato ultimato prendendo come spunto: i criteri del Piano Nazionale della Ricerca approvato a Maggio 2015; le innovazioni citate nel primo bando del PON Ricerca 2014/2020 (reso noto lo scorso mese di Agosto); ed i risultati della nuova Vqr (Valutazione della Qualità della Ricerca) 2011/2014. Le nuove disposizioni garantiscono ai futuri dottorandi, uno spazio più adeguato e qualificato, con un collegio docenti di punta. Previste, inoltre, occasioni di mobilità ed una realtà di ricerca più ampia basata su un confronto a livello internazionale.

Potrebbe interessarti:  Progetto Guardiani della Costa: iscrizioni per l'anno scolastico 2018-19 aperte fino al 20 dicembre

La soddisfazione di Valeria Fedeli

La ministra Valeria Fedeli ha dichiarato che le nuove linee guida per i dottorati di ricerca, sono state approvate, affinché si respirasse un ambiente più globale, basato sull’apertura, da parte dell’Italia, ad un maggiore scambio internazionale. La ministra ha spiegato: “Garantire maggiori standard qualitativi alle nostre ricercatrici ed ai nostri ricercatori. La conoscenza, le innovazioni e lo studio, sono le basi del rilancio e della crescita del nostro Paese” (Fonte: Orizzonte Scuola).

Ma cosa prevedono queste nuove linee guida?

In esse, viene precisato che il collegio docenti dovrà, d’ora in avanti, garantire, almeno per l’80×100 della copertura dei settori scientifici e disciplinari di un determinato corso di dottorato di ricerca. Sono stati forniti, inoltre, nuovi indicatori atti a valutare in maniera opportuna, le pubblicazioni scientifiche da parte dei membri di tale collegio. Una particolare attenzione verrà data alle competenze del Coordinatore. Vengono, infatti, introdotti requisiti più regolari, che fanno riferimento ai valori soglia previsti dall’ASN (Associazione Scientifica Nazionale).