Ultime notizie scuola, martedì 18 aprile 2017: Luca Cangemi (PCI) 'Fedeli triste notaia della scuola di Renzi'

Avrete senza dubbio le dichiarazioni rilasciate dalla ministra dell’istruzione, Valeria Fedeli, in occasione del videoforum organizzato per la giornata di oggi dal quotidiano ‘Repubblica’: la responsabile dell’istruzione italiana, intervistata dalla giornalista Laura Pertici, ha toccato diversi argomenti, tra i quali, ovviamente, non potevano mancare le tematiche relative alle otto deleghe della Buona Scuola renziana: ‘La Buona Scuola è stata un’ottima operazione – ha dichiarato, tra le altre cose, la ministra – ha portato all’assunzione di quasi 100mila persone. Ma ha avuto il limite di non aver valutato l’impatto della mobilità su alcune fasce di docenti’.

Ultime notizie scuola, martedì 18 aprile 2017: Luca Cangemi (PCI) ‘Fedeli triste notaia della scuola di Renzi’

A questo proposito, ci sono da registrare i primi duri commenti che arrivano dalle forze politiche dell’opposizione: citiamo, a questo riguardo, le parole pronunciate dal responsabile nazionale scuola del Partito Comunista Italiano, onorevole Luca Cangemi.
‘Il videoforum di Repubblica con la ministra dell’istruzione ha confermato il ruolo di triste notaia della scuola renziana (e dei suoi disastri) che la ministra Fedeli interpreta. Nelle sue parole non c’è niente che richiami i drammatici problemi della scuola italiana – ha sottolineato l’esponente di estrema sinistra – nessun bilancio di questi anni di applicazione della 107, segnati da situazioni inaccettabili, neanche un riferimento all’enorme contenzioso che il suo ministero fatica a fronteggiare.’

Potrebbe interessarti:  Unicobas Milano: ricorso rivolto a tutti i docenti per il recupero integrale della ricostruzione di carriera

Cangemi: ‘Questo governo non farà niente di positivo per la scuola italiana’

‘La senatrice Fedeli è messa lì per attuare la “buona scuola”, così ha fatto con i decreti delegati e lo rivendica. Contro il mondo della scuola e contro il buonsenso. Preoccupanti anche una serie di affermazioni su sostegno, mobilità, invalsi, alternanza scuola/lavoro, organici – ha concluso l’onorevole Cangemi – Affermazioni che confermano che questo governo niente di positivo farà per la scuola italiana.