Anche per Valeria Fedeli il transitorio non è una sanatoria

Troppo spesso all’opinione pubblica vengono propinati messaggi distorti e informazioni sbagliate. La stampa spesso pecca di precisione allorquando deve spiegare il concetto di fase transitoria per i docenti abilitati. Capita così di leggere che il governo ha messo in campo una sanatoria, ma così non è in realtà. Semmai, a sanare se stesso per le assurdità compiute negli ultimi anni è il governo-miur, intendendo con questo l’accoppiata terribile che ha prodotto un caos normativo inestricabile. La ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli risponde al riguardo della fase transitoria nel videoforum di Repubblica Tv.

No sanatoria

Tra i vari temi trattati nell’intervista condotta da Laura Pertici, le regole per nidi, terza media e maturità, le prove Invalsi e il nodo graduatorie, c’è anche quello del reclutamento degli insegnanti. A ribadire che la fase transitoria non è una sanatoria, con la consueta flemma che la contraddistingue e la differenzia dal suo predecessore Stefania Giannini, è l’attuale ministra del Miur Valeria Fedeli. L’illegittimità non è da parte della classe docente semmai è dalla parte dell’amministrazione. Il governo si limita a prenderne atto con le dichiarazioni rilasciate dai vari rappresentanti, attuali e passati, con le ammissioni di colpa di aver sbagliato sulla scuola.

Larga partecipazione

E’ un sistema di riordino complessivo che occorreva alla legge di riforma. Il decreto sul nuovo reclutamento risponde perfettamente a questa esigenza, così come le altre sette deleghe approvate. Finalmente si va subito dal precariato ad un percorso triennale che porta direttamente all’immissione in ruolo. Norma transitoria. Prima entreranno in ruolo i docenti delle Gae, poi quelli delle GM, a seguire gli abilitati della II fascia che devono entrare e quelli della III fascia che hanno 36 mesi di servizio. Si è trattato di un lavoro molto condiviso con le commissioni parlamentari e anche le opposizioni hanno collaborato fattivamente. Per questo non è esatto definirla una sanatoria ma un percorso indispensabile per dare alla scuola quegli insegnanti necessari a garantire la continuità didattica tanto invocata da più parti. Per ascoltare tutta l’intervista cliccare qui. 

Potrebbe interessarti:  Scuola, ministro Bussetti, altro annuncio: 'Nasce la Superiore Meridionale di Napoli'