Scuola, Livorno: crolla il soffitto, gli alunni in difficoltà
Scuola, Livorno: crolla il soffitto, gli alunni in difficoltà

Continuano i disagi per gli studenti dell’istituto scolastico Borsi, sito a Castagneto Carducci (Livorno): lo scorso 2 Aprile, presso la scuola, si è verificato il crollo dell’intonaco dal soffitto del corridoio. Il sinistro è avvenuto al piano terra, dove si trovano le aule delle scuole elementari e e della materna. Ieri, gli alunni delle elementari sarebbero dovuti tornare a frequentare le lezioni curriculari. Tuttavia, le cose sono andate diversamente, in quanto la certificazione incendiaria non prevede più di 300 persone all’interno della struttura. Alcune classi, per non perdere le lezioni, saranno costrette a seguire le lezioni durante le ore pomeridiane, a rotazione, e non più di due volte a settimana.

Scuola: la difficile situazione dell’istituto Borsi

A deciderlo è stata la dirigenza scolastica, dopo aver opportunamente analizzato il certificato giunto lo scorso venerdì. Un nuovo cambio di programma, dopo l’annuncio del ritorno a scuola da parte degli studenti dell’istituto. La dirigente scolastica Claudia Giannetti ha dichiarato: “Ci rendiamo conto che si tratta di un grande disagio per le famiglie, ma la sicurezza per i bambini viene prima di tutto. Abbiamo deliberato un nuovo piano di lavoro proprio ieri nel consiglio d’istituto e faremo doppi turni”. E’ stata comunque garantita, a partire dal prossimo 24 Aprile, la riapertura di alcuni spazi nel plesso del capoluogo. L’istituto si è comunque organizzato fino al 28 del mese.

Castagneto: i nuovi plessi

Secondo le nuove disposizioni, la scuola dell’Infanzia resterà presso il Parco, mentre le secondarie entreranno in maniera regolare, nel plesso di Castagneto. Nei prossimi giorni,  a partire da domani, per gli alunni delle primarie, i turni pomeridiani sono stati organizzati in questo modo: 21, 24, 26, 27 e 28 Aprile. Alcuni giorni fa, Miriano Corsini (assessore ai lavori pubblici) aveva informato le famiglie dei ragazzi, circa il ritardo dei lavori, a causa della difficoltà da parte della ditta a cui erano stati assegnati, nel reperire gli opportuni materiali lavorativi.