Percorso FIT, specializzazione scuola: accesso anche per chi non vince il concorso
Percorso FIT, specializzazione scuola: accesso anche a chi non vince il concorso

Come previsto dalla riforma, per diventare insegnanti della scuola statale occorre superare un concorso e poi accedere al FIT, ottenendo il diploma di specializzazione. Ma non saranno solo i vincitori di concorso a poter accedere al corso di specializzazione. A prevederlo è proprio la normativa, al comma 3 dell’articolo 15: “Possono iscriversi ai percorsi di specializzazione… nell’ordine di una graduatoria stabilita sulla base di un test di accesso gestito dalle università interessate, i soggetti in possesso dei requisiti di accesso… relativamente alla classe di concorso per cui intendono conseguire la specializzazione.” Comprendiamo bene i dettagli.

Fit, corso di specializzazione: chi vi accede e perché

Mentre i docenti vincitori di concorso accedono al corso di specializzazione FIT con la prospettiva di diventare insegnanti di ruolo della scuola secondaria statale (o anche paritaria), coloro che vi accedono senza concorso possono ottenere il diploma di specializzazione ma prestare servizio solo nella scuola paritaria. Questa è la sostanziale differenza, ma non è l’unica. I primi accedono in via gratuita, i secondi dovranno sostenere il costo del corso. Chi decide di ottenere la specializzazione (che sostituisce la vecchia abilitazione) senza aver superato il concorso, potrà iscriversi al corso dopo aver superato un test gestito dall’Università. E’ necessario soddisfare i requisiti di legge, ovvero avere la laurea magistrale o a ciclo unico (o diploma accademico di secondo livello) + 24 crediti CFU/CFA nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche. La normativa prevede anche che: “È considerato titolo prioritario per l’ammissione al corso di specializzazione essere titolare di contratti di docenza per almeno nove ore settimanali nella scuola secondaria sulla classe di concorso interessata, ed esserlo stati per almeno tre anni, presso una scuola paritaria, purché detti contratti siano retribuiti sulla base di uno dei contratti collettivi nazionali di lavoro del settore.
Assunzioni dopo la riforma scuola 2017: la tempistica prevista per tutti

Ammissione al corso in soprannumero

Chi decide di ottenere la specializzazione FIT senza fare il concorso (evidentemente al solo scopo di insegnare nella scuola paritaria), sarà ammesso in soprannumero rispetto ai vincitori di concorso, nei limiti dell’offerta formativa delle Università. Sarà lo stesso Miur ad autorizzare il numero dei posti in base al fabbisogno delle scuole paritarie. Va chiarito che, avere il diploma di specializzazione, non consente di insegnare nella scuola statale senza aver superato un concorso e non dà nemmeno agevolazioni per una eventuale iscrizione successiva al concorso.
Scuola e FIT, il tirocinio sarà obbligatorio per diventare insegnanti: in cosa consiste?

Potrebbe interessarti:  Anno di prova: approfondimento sul percorso FIT