Morto il docente caduto con la bici: la sua passione gli è costata la vita
Morto il docente caduto con la bici: la sua passione gli è costata la vita

Il 54enne Gino Marchet, docente e ingegnere di logistica del Politecnico di Milano, è morto. Dopo tre giorni di agonia, e nonostante abbiano tentato tutto il possibile per salvarlo, i medici del Niguarda di Milano hanno dovuto arrendersi all’evidenza e constatarne il decesso. Domenica pomeriggio il prof si trovava in bici sulle colline dell’Oltrepò Pavese, quando, a causa di una rovinosa caduta è andato a finire in fondo alla discesa provinciale 45: l’allarme è scattato quando è stato trovato, privo di sensi, da alcuni residenti della frazione Frenzo. Il caschetto protettivo era ancora allacciato, la sua bici da corsa tutta accartocciata si trovava a poca distanza.

Secondo i carabinieri la caduta è stata accidentale

L’ipotesi più plausibile, secondo i primi rilievi effettuati dagli agenti dell’Arma, resta quella di una caduta accidentale. Il fondo di quel tratto di strada, infatti – come hanno raccontato alcuni amici cicloamatori – sarebbe molto accidentato e pericoloso. Comunque, la Procura di Pavia disporrà a breve ulteriori verifiche sulla bici del prof. Le condizioni del docente sono apparse subito gravi ai soccorritori, che, dopo aver riscontrato un violento trauma cranico dovuto alla caduta, hanno allertato l’elisoccorso del 118. Trasportato immediatamente al Niguarda di Milano, è stato subito sottoposto a intervento chirurgico nel tentativo di salvargli la vita, e poi ricoverato nel reparto di rianimazione. Per gli studenti di numerosi master e corsi del Politecnico, e quelli di “impianti industriali meccanici” in cui il docente insegnava, la famiglia e gli amici, dopo l’intervento sono seguite ore angoscianti ma anche di speranza.

Potrebbe interessarti:  ATA controlli graduatorie: diplomi falsi col massimo dei voti e telefoni irraggiungibili

Il professore appassionato di bici è morto

Gino Marchet, appassionato di bici, non ce l’ha fatta. Nonostante i medici abbiano tentato di salvarlo con ogni mezzo a loro disposizione, nella mattinata di giovedì è spirato. Nel pomeriggio si sono svolti i funerali a Stradella, dove il docente viveva, nella chiesa della Versa.
Fonte: Corriere Della Sera