Fase transitoria per docenti Gae e idonei concorso 2016, abilitati e III fascia

L’articolo 17 del decreto legislativo sul riordino del sistema di reclutamento del personale docente affronta la questione riguardante il precariato ‘storico’: si tratta della disciplina transitoria riservata a tutti quei docenti che, pur non avendo sottoscritto un contratto a tempo indeterminato, possono vantare un’esperienza pluriennale.

Scuola, fase transitoria per docenti Gae e idonei concorso 2016

In merito ai docenti ‘residuati Gae’, questi entreranno in ruolo per effetto di quanto di quanto contenuto nel suddetto articolo, ogni anno, fino alla concorrenza della metà dei posti vacanti e disponibili. Il rimanente 50 per cento, invece, verrà coperto annualmente tramite scorrimento della graduatoria di merito del concorso docenti 2016: l’aspetto interessante è rappresentato dalla deroga al limite inserito nel bando in merito alla percentuale di idonei che non rientravano nel 10 per cento dei posti eccedenti a quelli previsti nello stesso bando.

Scuola, docenti abilitati e terza fascia con 3 anni di servizio

In ogni regione verranno indette, con differenti modalità, apposite procedure concorsuali, con modalità differenti in relazione alle diverse posizioni giuridiche: tali procedure concorsuali avranno lo scopo di immettere in ruolo i docenti già abilitati o che abbiano svolto un servizio, anche non continuativo, di almeno tre anni negli ultimi otto (di cui almeno uno nella classe di concorso specifica) alla data di presentazione della domanda.
Potrebbe interessarti:  Docenti: due parole sul disagio generale degli educatori (comunicato)
In modo particolare, entro il mese di febbraio 2018, sarà bandito un concorso ‘una tantum’ per i docenti abilitati, con una graduatoria di merito regionale, dalla quale si attingerà in modo decrescente sino ad integrale scorrimento.
Ai docenti che possiedono almeno tre anni di insegnamento, invece, saranno riservate procedure concorsuali con cadenza biennale (ma non prima del 2019) che si articoleranno in una prova scritta a carattere disciplinare e una prova orale di natura didattico-metodologica. Secondo l’esito del concorso e della conseguente graduatoria di merito, i docenti avranno l’accesso ad un percorso della durata di due anni, secondo le modalità del primo e terzo anno del percorso Fit.