Studenti scuole superiori, 'duri' fuori ma fragili dentro

Gli adolescenti di oggi vogliono fare i ‘duri’ ma dentro sono fragili e con una grande difficoltà nel gestire le relazioni personali. Il portale ‘OrvietoSì.it’ ha intervistato, a questo proposito, una professoressa di una scuola superiore della città umbra proprio in merito ai disagi che provano gli studenti di oggi quando si trovano a dover affrontare alcune situazioni, come ad esempio, un’interrogazione.

Studenti scuole superiori, ‘duri’ fuori ma fragili dentro

La prof ha citato il caso di una sua alunna di terza chiamata per un’interrogazione: la giovane, trovandosi impreparata, è scoppiata a piangere in quanto non ha retto sul piano emotivo.
‘Questo atteggiamento è sempre più frequente tra i ragazzi adolescenti – ha spiegato la professoressa, sottolineando come i ragazzi di oggi hanno modi di fare spesso provocatori, si comportano così per sembrare più grandi, vogliono fare i ‘duri’.

‘Nella mia esperienza, però – prosegue l’insegnante – ho notato che, nel corso degli anni, i ragazzi hanno sempre più difficoltà a relazionarsi e soprattutto ad affrontare situazioni che dovrebbero denotare maturità. Se si piange per un’interrogazione, cosa succederà domani ad un colloquio di lavoro?’ si è chiesta la docente, sottolineando come la ‘bravura’ di un ragazzo risiede proprio nel fatto di non farsi vedere nel panico visto che ‘non si può certo essere preparati ad ogni domanda. Invece di considerarla una nemica, la scuola può aiutare. Il lavoro del docente, probabilmente la parte più bella anche se la più impegnativa, è proprio quello di leggere che cosa dicono i ragazzi in mezzo alle loro parole, dentro i loro atteggiamenti di rabbia, di ribellione, dentro i loro malesseri. Perchè ogni ragazzo ha una storia a sé e la bravura di un’insegnante sta proprio nel cercare di capire come ogni studente può essere aiutato a dare il meglio.’
La considerazione finale della professoressa nell’intervista concessa a OrvietoSì.it è emblematica: ‘La scuola non è solo un impartire lezioni sulle varie materie, il contesto scolastico non è esclusivamente luogo di apprendimento, ma incide sul benessere individuale e relazionale, promuovendo la capacità di stare con gli altri: la scuola diventa una risorsa utile per affrontare la vita’.
Potrebbe interessarti:  Unicobas Milano: ricorso rivolto a tutti i docenti per il recupero integrale della ricostruzione di carriera