Insegnanti di diritto ed economia

Incentivare lo studio del Diritto e dell’Economia. Questo il tema dell’argomento trattato a margine di un convegno svoltosi a Potenza dal titolo “L’insegnamento del diritto e dell’economia politica per la promozione delle competenze”. Un evento che conferma l’impegno di Apidge, l’Associazione degli insegnanti di Scienze giuridiche ed economiche, nel delineare nuovi assetti curricolari e un’identità specifica del docente di Diritto e di Economia Politica nel sistema scolastico italiano. “Un docente di Diritto e Economia in ogni scuola” è l’impegno preso dall’Esecutivo e dal Parlamento in sede di approvazione della legge sulla “Buona Scuola”, che deve ancora essere onorato nei fatti.

L’intervento del Presidente Mollica

Il Presidente del Consiglio Regionale della Basilicata Mollica è intervenuto sul tema sottolineando come nei licei italiani gli studenti non abbiano nessuna cognizione di due materie essenziali per combattere l’analfabetismo finanziario e per rinforzare la consapevolezza dei propri diritti. Molti di loro sono privi di ogni conoscenza economica, giuridica o sociale e nonostante questo si iscrivono alle facoltà universitarie di economia, giurisprudenza, economia aziendale, sociologia, statistica, scienze politiche. Si rende necessario, allo scopo di dotarli delle necessarie competenze, affrontare il problema mediante una modifica ordinamentale per la valorizzazione delle discipline economiche, tanto nei licei scientifici e classici, quanto nei Licei delle scienze umane.

Immissione in ruolo dei docenti di diritto ed economia

Esiste un altro effetto positivo, oltre a quello di incrementare il grado di educazione finanziaria degli studenti. Andare in questa direzione significherebbe risolvere una questione dolente che riguarda i docenti precari. Come è noto esistono ancora i docenti di diritto ed economia delle cdc A46 ex A019 che risultano in sovrannumero. Grazie ad un provvedimento normativo ad hoc, dovendo procedere all’immissione in ruolo di docenti che ancora residuano dalle graduatorie ad esaurimento, sarebbe possibile finalmente strapparli alla precarietà.

Potrebbe interessarti:  Unicobas Milano: ricorso rivolto a tutti i docenti per il recupero integrale della ricostruzione di carriera