Mobilità 2017: quali preferenze si possono esprimere, preferenze su posti speciali

Per quanto concerne la presentazione della domanda di mobilità per l’anno scolastico 2017/8, le preferenze esprimibili nella domanda sono in totale 15 delle quali fino a cinque scuole con le restanti su ambiti e/o province.

Mobilità 2017: quali preferenze si possono esprimere, preferenze su posti speciali

Le preferenze possono essere di tre tipi, su scuola, su ambito territoriale e su provincia. Occorre precisare, però che, seppur il docente debba attenersi ai limiti numerici sopraindicati, non ha alcun altro vincolo o obbligo da rispettare. Infatti, il richiedente sarà libero di esprimere il numero massimo di preferenze consentito dal nuovo contratto oppure inserire anche solo una preferenza che potrà essere rappresentata da una scuola, un ambito oppure una provincia, a sua libera scelta.
La preferenza per l’ambito di titolarità o la preferenza sintetica per la propria provincia di titolarità possono essere indicate solamente per il trasferimento su altra tipologia di posto o per la mobilità professionale.
In caso di preferenza di ambito o provincia, il docente potrà, inoltre, indicare le seguenti disponibilità:
1) istruzione degli adulti (corsi serali degli istituti di II grado, centri territoriali riorganizzati nei centri provinciali per l’istruzione degli adulti)
2) sezioni carcerarie ove esprimibili
3) sezioni ospedaliere
Come chiarisce il comma 5 del citato art.9, infatti, il docente che avrà indicato la propria disponibilità all’insegnamento sui posti sopraindicati, potrà essere assegnato agli ambiti territoriali che comprendono tali posti anche con un punteggio inferiore a coloro che non abbiano espresso la loro disponibilità (articolo 9, comma 5). Il personale è tenuto ad accettare la proposta di incarico per i suddetti posti, nel caso in cui il trasferimento avvenga attraverso tale preferenza. Nel caso in cui, invece, il trasferimento sia avvenuto per punteggio, il docente non è vincolato ad accettare tali proposte.

Il richiedente che intende dare la propria disponibilità per i posti ‘speciali’ sopraindicati dovrà, inoltre, indicare (in caso di assegnazione all’ambito territoriale secondo ordine di graduatoria) se intende, comunque, rendersi prioritariamente disponibile per le tipologie di posto indicate. Nel caso in cui il docente si renda disponibile per più tipologie di posti, si seguirà l’ordine sopraindicato.
Potrebbe interessarti:  Unicobas Milano: ricorso rivolto a tutti i docenti per il recupero integrale della ricostruzione di carriera