Tutti i docenti delle Gae hanno diritto al ruolo

I docenti delle Gae che parteciparono alla fase C del piano straordinario tornano a far parlare di se. Il desiderio di avere una cattedra nella provincia di residenza originaria li spinge a rivendicare i propri diritti anche a scapito del recente accordo sulla mobilità. Fatta la legge scoperto l’inganno; con questa massima aderirono all’invito dei sindacati ad inoltrare la domanda ed oggi si spingono anche oltre. Ma i colleghi che non presentarono la domanda non ci stanno e rispondono a stretto giro mail attraverso questa lettera giunta alla nostra redazione.

La replica del Gruppo fb Comitato nazionale docenti precari

In Casa Fase C tutti a lamentarsi per le nuove assunzioni previste da Gae e dalle Gm. Il PD per riconciliarsi con il mondo della scuola promette 52mila posti, soprattutto al sud e i neoassunti si sentono truffati perché resteranno al nord. Tanti sfoghi nei gruppi di fase C. In tanti si sono pentiti di aver presentato la domanda e attaccano noi docenti delle Gae che avremo il ruolo comodamente a pochi passi da casa. Attaccano i sindacati per averli convinto a presentare la domanda… Attaccano il PD perché doveva destinare a loro il 100% della mobilità… Io dico solamente che nessuno vi ha costretto a presentare la domanda… Eravate felici di essere finalmente di ruolo, avete deriso e preso per matti tutti noi che non abbiamo presentato la domanda di Renzi. Noi abbiamo dimostrato di essere COERENTI fino alla fine. Con molto coraggio abbiamo aspettato con pazienza il ruolo nelle nostre Gae e adesso è giusto stabilizzare anche noi che siamo precari da oltre 20 anni. Pertanto, una volta e per tutti, smettetela di lamentarvi. BASTAVA AVERE CORAGGIO E BOICOTTARE TUTTI LA DOMANDA.

Loading...

Considerazioni finali

Dal momento che le Gae verranno esaurite come nei programmi del governo, questa diatriba non ha più senso. Meglio sarebbe metterci una pietra sopra e non parlarne mai più. La politica di coltivare il proprio orticello è dura a morire, ma non sempre paga, come dimostrano gli ultimi fatti.