Sondrio: importante concorso vinto da due scuole della provincia
Sondrio: importante concorso vinto da due scuole della provincia

Orgoglio e felicità per la scuola Donegani di Sondrio e per il Saraceno-Romegialli di Morbegno. I due istituti (più precisamente la terza B del primo e la terza A del secondo) sono risultati vincitori della prima edizione del concorso ‘La scuola va in montagna’. Gli studenti più meritevoli hanno dimostrato la loro conoscenza e (cosa ancora più importante) il loro amore verso le bellezze naturali del luogo. Il concorso in questione è stato bandito dalla Fondazione Gruppo Credito Valtellinese, che ha collaborato con altre due importanti realtà: il Parco nazionale dello Stelvio e la fondazione Luigi Bombardieri.

Concorso ‘La scuola va in montagna’: la cerimonia di premiazione

La cerimonia di premiazione del concorso ‘La scuola va in montagna’ si è svolta presso il policampus di via Tonale. Angelo Schena, presidente della fondazione Bombardieri, ha commentato l’evento: ‘Soltanto se si conosce, si ama. E se si ama, si difende, prendendosene cura’. Altre presenze di nota durante la cerimonia, sono state: Tiziana Colombera (direttore fondazione Creval), Alessandro Meinardi (direttore Parco dello Stelvio), Cinzia Franchetti (responsabile orientamento e formazione fondazione Creval) e Mattia Ortelli (coordinatore e accompagnatore per il progetto ‘La scuola va in montagna’). Tiziana Colombera ha in seguito ricordato l’importanza di tale concorso, al fine di educare i ragazzi all’amore ed al rispetto per l’ambiente e la montagna.

Le classi vincitrici del concorso

Come già anticipato, le classi vincitrici dell’importante concorso sono state la terza B del Donegani e a terza A dell’indirizzo CAT (Costruzione, ambiente e territorio) del Saraceno-Romegialli. Gli studenti di entrambe le classi avranno modo di soggiornare per quattro giorni (dal 18 al 21 Settembre 2017) presso il rifugio Forni in Alta Valle. I ragazzi dell’istituto Donegani hanno trionfato tramite il video ‘La Carga – Storie di uomini e luoghi’, che ha avuto come tema il contrabbando. Il filmato è stato girato lungo il territorio che va da Baruffini fino al confine elvetico. Gli studenti del Saraceno, sfruttado le loro doti di futuri geometri, hanno invece lavorato sulla costiera del Cech, presentando, infine, il lavoro ‘i genitori’ di ‘Cat’. Tale progetto si è basato su un tentativo di recupero di un rustico montano, secondo le normative attuali.
Fonte:
La Provincia di Sondrio