Cancellazione di una causa dal ruolo

Cancellazione della causa dal ruolo; questo è apparso sui fascicoli telematici inerenti i ricorsi per l’inserimento in Gae. Molti colleghi ci hanno chiesto preoccupati che cosa volesse dire. Come è noto siamo in attesa di sapere in quale data si svolgerà la plenaria del Consiglio di Stato. Utilizzando le fonti disponibili su internet proveremo a spiegare come la cancellazione della causa dal ruolo sia funzionale alla discussione di cui all’adunanza plenaria in fase di merito.

Cancellato dal ruolo

L’immagine nella didascalia rappresenta la successione dei fatti afferenti al ricorso di cui stiamo parlando e la riga che ha allarmato diversi colleghi è quella indicata con le frecce. Il provvedimento della cancellazione della causa dal ruolo è stato preso dal Tar che per l’effetto ha sospeso tutti i ricorsi. Ciò non significa che essi siano stati chiusi o si sia rinunciato a portarli avanti. Semplicemente, in forza dell’art.307 del codice di procedura civile, il Tribunale Amministrativo del Lazio dispone di aspettare a pronunciarsi nel merito della questione del diritto all’inserimento in Gae perché attende di conoscere il parere del Cds.

Art.307 c.p.c.

Se dopo la notificazione della citazione nessuna delle parti siasi costituita entro il termine stabilito dall’articolo 166, ovvero se, dopo la costituzione delle stesse, il giudice, nei casi previsti dalla legge, abbia ordinato la cancellazione della causa dal ruolo (2), il processo, salvo il disposto del secondo comma dell’articolo 181 e dell’articolo 290 (3), deve essere riassunto (4) davanti allo stesso giudice……..”

Ripresa del ricorso

In altre parole, dal momento che per proseguire bisogna attendere il giudizio del Cds, si sospende il ricorso per dar modo alle parti di integrare le proprie memorie e controdeduzioni finalizzate alla discussione nel merito al Tar. Per dare nuovo impulso al processo basta che solo una delle parti, leggasi gli avvocati dei ricorrenti, si attivino presso il tribunale amministrativo. E per proseguire non è necessario sostenere ulteriori costi e ripetere il mandato ai legali per essere rappresentati in giudizio.