Corropoli, scuolabus ribaltato: le dinamiche dell'incidente

Brutto incidente a Corropoli (Teramo) oggi 23 Maggio 2017. Qui uno scuolabus, con dentro degli alunni di scuola primaria, si è ribaltato per strada. In questo articolo vi daremo gli aggiornamenti riguardanti l’episodio e le dinamiche del sinistro, che fortunatamente non ha mietuto alcuna vittima. Curioso notare, come un episodio simile sia avvenuto (sempre nella stessa data) anche a Belvedere Ostrense (Ancona).

Scuolabus ribaltato a Corropoli: l’incidente e l’intervento dei vigili

L’incidente riguardante lo scuolabus ribaltato a Corropoli ha visto l’intervento dei vigili del fuoco poco dopo le ore 13:00. Il bus in questione è un veicolo targato Fiat Iveco e trasportava 15 bambini, alunni di scuola primaria. Stavano tornando a casa dopo le lezioni appena terminate. Lo scuolabus, al momento dell’incidente, stava percorrendo il tratto di strada di via Ruggeri (una traversa molto stretta), a poca distanza dal centro di Corropoli. Il mezzo si è subito dopo ribaltato su sé stesso, andando a fermarsi contro una pianta di olivo.

Il resoconto dei danni

Fortunatamente, tale incidente non ha visto alcuna vittima tra i bambini all’interno dello scuolabus. Un resoconto dei danni da stimare, tuttavia c’è. Risultano esserci diversi feriti tra gli alunni, che hanno riportato alcune contusioni a causa del sinistro. Tutto ciò ha reso necessario l’immediato trasporto di questi presso le adeguate strutture sanitarie. Due minori sono stati portati presso l’ospedale di Teramo, mentre un altro presso il nosocomio sito a Sant’Omero.
Altri ragazzini sono stati trasportati invece dagli stessi genitori, giunti sul luogo dell’incidente. Sul posto anche i sanitari del servizio di soccorso sanitario del 118, che hanno apportato i primi aiuti. Anche il conducente e l’assistente non ne sono usciti illesi, riportando alcune piccole ferite. I vigili del fuoco, dopo aver aiutato i piccoli studenti a riprendersi, hanno messo in sicurezza lo scuolabus. Presenti sul posto, anche i Carabinieri e La Polizia Stradale.
Fonte:
Il Centro