Scuola, utilizzazioni e AP docenti e ATA ultime notizie: esito dell'incontro Miur-sindacati

Primo incontro tra Miur e sindacati, quello svoltosi nella giornata di ieri in Viale Trastevere, in vista del rinnovo del CCNI sulle utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed Ata per il prossimo anno scolastico 2017/2018.

Flc-Cgil ha pubblicato un comunicato attraverso il quale viene sottolineato come l’Amministrazione centrale abbia presentato ed illustrato alle rappresentanze delle sigle sindacali una prima bozza di articolato che ricalca sostanzialmente quello dello scorso anno, con evidenziate le poche parti che, a parere dell’amministrazione, dovranno essere oggetto di “manutenzione” e adeguamento.

Ultime notizie scuola, mercoledì 24 maggio 2017: esito primo incontro Miur-sindacati per rinnovo CCNI su utilizzazioni e assegnazioni provvisorie

Tra queste c’è l’articolo riguardante le utilizzazioni presso i licei musicali e coreutici (ex articolo 6-bis) anche alla luce degli esiti che si avranno con la prima mobilità su queste istituzioni scolastiche; poi alcune riflessioni si dovranno fare sul sistema delle precedenze, in particolare per verificare la possibilità di trovare adeguate soluzioni per agevolare le assegnazioni provvisorie per i genitori con figli in situazione di grave disabilità (sia per i docenti, che per il personale educativo, che per il personale Ata); le modalità di attuazione della legge che prevede agevolazioni sempre per i genitori con figli piccoli.
Nessuna esigenza specifica di modifica è stata segnalata sul personale Ata, salvo aggiornare alcuni aspetti già modificati nella mobilità (ad es. sulla tabella di valutazione). Su richiesta esplicita delle organizzazioni sindacali è stato per il momento accantonato il tema delle assegnazioni provvisorie, in particolare per quanto riguarda il blocco triennale, o meno, per i neo assunti.
Il confronto proseguirà nei prossimi giorni per quanto riguarda l’analisi dell’articolato, rinviando alla conclusione eventuali nodi che dovessero emergere. Verso la fine della prima settimana di giugno potrebbe essere conclusa la trattativa.