I docenti I.T.P. vanno considerati abilitati

Per gli insegnanti teorico pratici e circa il valore abilitante posseduto in virtù del diploma I.T.P., arriva una importante conferma da una sentenza di merito del Tar che risale al 4 maggio 2017. La controversa questione se siano da ritenersi docenti abilitati, ai quali consentire l’iscrizione nella II fascia delle graduatorie di istituto o meno, trova la sua risposta affermativa nel contesto di un ricorso contro la loro esclusione dal concorso per la mancanza del requisito di ammissione. I docenti I.T.P. sono stati considerati abilitati e di conseguenza, avendo superato con successo le selezioni concorsuali, attendono ora di essere inseriti in ruolo.

La sentenza

In sede di camera di consiglio i giudici del TAR Lazio hanno approfondito la questione e hanno confermato il provvedimento, ritenendo che i “ricorrenti hanno partecipato alla procedura concorsuale di cui al d.m. M.I.U.R. n. 106/2016 per la classe concorsuale B015 – peraltro superando tutte le prove” e “che, pertanto, si tratta di classe concorsuale riservata ai cd. I.T.P. per i quali è consolidato l’orientamento cautelare della sezione e anche in appello in ordine all’illegittimità della previsione della richiesta del necessario possesso dell’abilitazione ai fini della partecipazione non essendo mai stati avviati i relativi percorsi abilitativi ordinari”.

Come aderire al ricorso

L’inserimento nella II fascia delle graduatorie di istituto consente la partecipazione alla prossima fase transitoria con le aagevolazioni previste per gli abilitati costitutite dal solo colloquio orale senza sbarramento con successivo anno di prova. Chi non vi risultasse ancora iscritto può impugnare il recente decreto di aggiornamento delle graduatorie di istituto entro la scadenza prevista dal bando. E’ necessario proporre ricorso per ottenere un decreto cautelare urgente di inserimento che andrà confermato con una sentenza di merito prima dell’avvio della fase transitoria. Cliccando qui si possono trovare tutte le informazioni utili per partecipare a questo ricorso collettivo al Tar. 

Potrebbe interessarti:  La Senatrice Malpezzi e la revisione del reclutamento docenti secondo il nuovo esecutivo