Scuola e bullismo, altro che sospensione: la punizione della preside è esemplare
Scuola e bullismo, altro che sospensione: la punizione della preside è esemplare

Il bullismo è purtroppo una piaga da sempre presente nelle scuole italiane e non. L’ennesimo caso è stato registrato in Campania, o meglio, l’epilogo di uno dei tanti casi verificatisi nei nostri istituti. La Cassazione ha condannato quattro ex studenti, un verdetto storico, il primo riguardante il tema del bullismo. All’epoca del reato, gli imputati erano tutti minorenni, i quali si erano macchiati di veri e propri atti persecutori nei confronti di un loro compagno di scuola.
Quest’ultimo, timoroso di ripercussioni più gravi, non si era mai ribellato ai suoi aguzzini e si era trasferito al Nord, in Piemonte. Questa grave vicenda di delinquenza minorile emerse quando la vittima dei bulli finì in ospedale per delle lesioni ad un occhio. I giudici minorili del Tribunale di Napoli hanno emesso come pena (sospesa) 10 anni di reclusione per i quattro ex studenti.

Bullismo in Campania, condanna per 4 ex studenti: i giudici puntano il dito contro la scuola

Un verdetto storico quello riguardante il caso di bullismo avvenuto in Campania. Colpevoli 4 ex studenti condannati dalla Cassazione. I giudici hanno puntato il dito contro la scuola. Ecco le dichiarazioni dei giudici della Corte d’Appello per i minorenni di Napoli: ‘Il clima di connivenza e l’insipienza di quanti, dovendo vigilare sul funzionamento dell’istituzione, non si accorsero di nulla’. Gli imputati per questo grave caso di bullismo sono tutti originari di Piedimonte Matese (Caserta) e rispondono ai nomi di: Antonio Faraone, Giuseppe Comparone, Emiliano Raucci e Crescenzo Musto.

Potrebbe interessarti:  Violenza nelle scuole della Sardegna: insegnante aggredita da alunni

La soddisfazione di Francesco Emilio Borrelli

Francesco Emilio Borrelli, presidente del gruppo consiliare Campania Libera, Davvero Verdi e Psi, ha dichiarato di essere molto soddisfatto per la sentenza emessa contro i quattro bulli casertani. Borrelli ha aggiunto, inoltre, che il Consiglio Regionale della Campania ha approvato una legge per tutelare le vittime di bullismo e cyberbullismo, ma che ha anche il compito di recuperare i bulli stessi. Per fare ciò è d’uopo che la legge in questione divenga subito operativa.
Fonti:
Orizzonte Scuola
Tele Club Italia
Salernonotizie.it