Scuole aperte anche d'estate: la Fedeli ci riprova

Il ministro Valeria Fedeli lavora al progetto per tenere le scuole aperte anche d’estate. L’annuncio è ripreso su un articolo pubblicato su La Stampa di Torino dove la ministra spiega che sono le famiglie a chiederlo. In questo senso i tecnici del ministero stanno lavorando ad una bozza già pronta che potrebbe essere presentata già a fine agosto. Per la Fedeli si tratta di un progetto ambizioso perché in passato è già fallito diverse volte.

I tentativi precedenti

Il vice presidente dell’Associazione Nazionale Presidi Mario Rusconi è uno dei più convinti assertori di questa apertura estiva delle scuole. A La Stampa di Torino ricorda l’esistenza di una vecchia direttiva che risale al 1997. Da allora le scuole furono tenute aperte e all’interno vi lavorano bidelli, presidi e segreterie scolastiche. Ma la direttiva non fu mai riempita con contenuti validi, come rimarca Rusconi. Andrebbe rimodulato l’orario di servizio degli insegnanti e prevedere un impiego dei giovani precari. Falliti i tentativi successivi del 2013 con l’allora presidente del consiglio Monti che propose di chiudere solo per un mese, e del 2015 con Giuliano Poletti. Celebre la sua frase “tre mesi di ferie sono troppi“. Le critiche lo travolsero e non se ne fece più niente.

Potrebbe interessarti:  Permessi e ferie docenti e ATA 2018/19: differenze tra supplenti e personale di ruolo

Le reazioni

Lo scetticismo prevale nelle considerazioni circa il progetto della Fedeli nelle parole del segretario generale della Uil scuola Pino Turi che così si esprime su La Stampa:”Per noi quello che conta è tenere ben distinta l’assistenza dalla scuola vera e propria. Sono due funzioni distinte. Dal mio punto di vista la scuola non è un servizio assistenziale e sociale ma una funzione dello Stato molto precisa che attiene alla formazione degli studenti. La scuola forma i bambini, non li assiste. Se questo è il significato, pensare di tenere le scuole aperte tutto l’anno è una stupidaggine.” Tra le famiglie la preoccupazione è che le scuole diventino poi solo un parcheggio. Al riguardo si esprime Rosaria Danna, presidente dell’Age, associazione italiana genitori. La stessa spiega che è inutile tenerle aperte se poi ci devono pensare le associazioni ad affiancare gli studenti.