Problemi nella valutazione delle domande per la costituzione e l'aggiornamento delle Graduatorie d'Istituto
Problemi nella valutazione delle domande per la costituzione e l'aggiornamento delle Graduatorie d'Istituto
Graduatorie d’Istituto, grossi problemi sulla valutazione delle domande da parte delle segreterie scolastiche con l’applicazione SIDI – Nei giorni scorsi tutti i sindacati, con in testa la FLC CGIL, hanno chiesto al Miur una proroga al 30 giugno 2017 come termine ultimo per la presentazione delle domande alle scuole per la formazione e l’aggiornamento delle Graduatorie d’Istituto. In effetti le segreterie scolastiche in questo periodo, oltre a svolgere il lavoro di prassi, stanno anche dedicando una buona parte del loro tempo ad inserire su una piattaforma telematica dedicata le domande che via via giungono tutti i giorni da parte dei futuri insegnanti.

Le segreterie scolastiche sono al collasso: per la valutazione delle domande occorre più tempo e più attenzione

La mole di lavoro per tali operazioni richiede tempo e soprattutto attenzione. Per quanto attiene al tempo il sindacato FLC CGIL fa notare che in questo momento le segreterie didattiche sono anche impegnate nella complicata e delicata fase degli esami di Stato e che quindi il tempo risulta parzialmente ridotto. Per quanto riguarda invece l’attenzione il personale di segreteria dovrebbe concentrarsi sulla disamina dei titoli dichiarati così da attribuire il relativo punteggio all’aspirante insegnante. Chiaramente le segreterie si sono dotate della specifica piattaforma SIDI – così come riporta Orizzontescuola – in grado di velocizzare e contemporaneamente alleggerire il carico lavoro che le segreterie si sono in questo frangente ritrovate sulle loro scrivanie.
Come ha più volte segnalato Orizzontescuola esistono notevoli difficoltà, così come quella di “interpretazione dei CFU richiesti per le nuove classi di concorso, problematica solo in parte superata dalle FAQ pubblicate dal Ministero”.

Potrebbe interessarti:  ATA, controlli su supplenze per titoli falsi

FLC CGIL segnala errori nella piattaforma per l’inserimento delle domande: il Miur risponde che le disfunzioni sulla valutazione sono a macchia di leopardo

Allo stesso tempo la FLC CGIL segnala e conferma anche altre difficoltà che cercheremo di riassumere nel seguente elenco di seguito riportato:

  • perdita del punteggio pregresso all’interno della banca dati SIDI che causa la continua verifica sul cartaceo delle domande presentate nel precedente rinnovo (con impossibilità di controllo in caso l’aspirante avesse presentato la domanda in altra scuola);
  • valutazione dei servizi e relativo punteggio su più graduatorie, in quanto il sistema non distingue in specifico e non specifico differenziandolo per graduatoria;
  • perdita dei dati in fase di salvataggio alla fine dell’inserimento, poiché compare il messaggio “sistema momentaneamente non disponibile”;
  • cronica mancanza di continuità nel funzionamento.

A questa segnalazione, quasi immediatamente, il Miur ha risposto che tali problemi di funzionamento del portale SIDI sarebbero, di fatto, a macchia di leopardo e risulta quindi importante che le scuole si apprestino ad effettuare una segnalazione direttamente al Dipartimento Generale dei Sistemi Informativi in modo che possano intervenire sui singoli casi di malfunzionamento.

FLC CGIL insiste: “occorre uno slittamento del termine ultimo di presentazione delle domande”

Ma la FLC CGIL ribadisce che dato che non si tratterebbe di casi isolati (così come dichiara invece il Miur), forse sarebbe il caso di intervenire a livello centrale e in ragione di ciò far slittare la data del 30 giugno, date le altre incombenze nelle quali in questo periodo sono occupate le segreterie scolastiche.
Fonte: Orizzontescuola