Scuola, Graduatorie di Istituto: come associare punteggi precedenti classi di concorso con le nuove
Scuola, Graduatorie di Istituto: come associare punteggi precedenti classi di concorso con le nuove

Le graduatorie di istituto del personale docente della scuola secondaria saranno formate sulla base delle nuove classi di concorso: ne deriva che tutti coloro che sono chiamati a presentare la domanda di aggiornamento, saranno chiamati ad associare i punteggi già dichiarati per le classi di concorso del pregresso ordinamento.

Graduatorie di istituto docenti: come associare i punteggi delle precedenti classi di concorso con le nuove

La Flc-Cgil ha pubblicato una nota attraverso la quale si intende far chiarezza su questo punto, visto che molti aspiranti non sanno come procedere. I casi che si potranno presentare sono due: il primo, quello più semplice, è che vi sia una sola classe di concorso del pregresso ordinamento che confluisca in una nuova cdc; il secondo, quello più complesso, è quello relativo a 2 o più classi del pregresso ordinamento che confluiscono in una nuova cdc.
Per quanto concerne il primo caso, l’aspirante dovrà semplicemente indicare le due classi di concorso (vecchio codice, nuovo codice) e i punteggi già acquisiti nella vecchia (nella sezione B4 del modello A1 o nella sezione B3 dei modelli A2 e A2bis).
Nel secondo caso, invece, quello un po’ più complicato, l’aspirante dovrà scegliere da quale delle precedenti classi di concorso acquisire il punteggio maturato (di solito quella con il più alto) e indicarla, come nel caso precedente, nella sezione B4 del modello A1 o nella sezione B3 dei modelli A2 e A2bis.
Se si ha punteggio di servizio in una o più delle altre classi di concorso confluite (diverse da quella indicata), per non perderlo occorre dichiararlo nuovamente e chiederne la rivalutazione.
Le situazioni che possono determinarsi sono illustrate di seguito:

Seconda fascia

  • Servizi in una delle altre classi di concorso (diverse da quella indicata) confluite nella nuova dichiarati direttamente per quella classe di concorso.
  • Servizi in una delle altre classi di concorso (diverse da quella indicata) confluite nella nuova dichiarati come non specifici per la classe di concorso a cui si è associata la nuova.

In quanto tali servizi sono ora specifici per la nuova classe di concorso (quindi valutati al 100%) l’aspirante dovrà chiederne la rivalutazione utilizzando le opzioni previste nella sezione D1 del modello di domanda (A1).

Terza fascia

  • Servizi in una delle altre classi di concorso (diverse da quella indicata) confluite nella nuova dichiarati per quella classe di concorso e valutati al 50% per la classe di concorso a cui si è associata la nuova.

In quanto tali servizi sono ora specifici (quindi valutati al 100%) per la nuova classe di concorso l’aspirante dovrà chiederne la rivalutazione utilizzando le opzioni previste nella sezione D1 del modello di domanda (A2 e A2bis).