Concorso infanzia e primaria 2016: doccia gelata per i vincitori

Il concorso docenti per la primaria e infanzia ha selezionato duramente i concorrenti. Ma gli sforzi fatti per vincerlo rischiano di essere annullati. Su Repubblica spunta un reportage delle selezioni per le materne e le scuole elementari in cui viene messa in luce una drammatica differenza: i posti disponibili sono di meno rispetto ai vincitori. Le gm scadranno inesorabilmente tra 26 mesi e se non si riuscirà ad esaurirle in tempo saranno lunghi e duri anni di attesa per i candidati che hanno superato il concorso.

Il report

L’evidenza dei fatti la fornisce il Miur all’indomani della pubblicazione dei dati circa la mobilità. Il numero di cattedre disponibili è largamente insufficiente rispetto ai vincitori di concorso che si divideranno a metà i posti con i colleghi delle Gae. Poche saranno le assunzioni da gm per l’anno scolastico 2017/2018 e chi resta fuori dovrà sperare di fare a tempo per il mese di settembre del 2018. L’estensore dell’articolo, Salvo Intravaia, anticipa i dati precisando che le procedure per la formazione delle gm sono in fortissimo ritardo in alcune regioni. Lo scorso anno saltarono a causa delle enormi difficoltà riscontrate nelle correzioni delle prove scritte.

Gli esclusi

Per la primaria le cattedre disponibili in tutta Italia erano 17.299. Ogni anno avrebbero dovuto entrare di ruolo 5.766 nuovi maestri. Lo scorso settembre, dati i ritardi ci cui si è accennato sopra, non fu assunto nessuno. Arriviamo perciò a quest’anno al dato di 8.649 cattedre da assegnare pescando dalle Gm. La disponibilità reale di posti calcolata dal Miur dopo i trasferimenti restituisce il dato di 3.524, relativamente ai soli “posti comuni”. A conti fatti sono 1762 cattedre a testa tra Gae e Gm 2016. Rimangono fuori ben 6887 vincitori di concorso. Stimando risultati simili anche per l’anno prossimo, ultimo di validità delle graduatorie, saranno 5167 quelli che non saranno stati assunti per tempo.

Potrebbe interessarti:  Scuola, Miur inizia a porre dei limiti al caos dell'autonomia scolastica sregolata

Attesa media

Il report prosegue spiegando il tempo che servirà ad immettere in ruolo i residuali delle gm. Tenendo presente che le situazioni sono diverse di regione in regione, arrivando al caso del Lazio si vede che per assumerli tutti serviranno dieci anni. Va meglio (non di tanto) in Liguira, dove il tempo medio stimato è di 7/8 anni. Più fortunati i colleghi lombardi che per avere una cattedra dovranno aspettare solo 4/5 anni. L’analisi è stata condotta lasciando sottinteso che, per procedere allo scorrimento in ruolo così come descritto, andrà previsto un decreto di proroga delle gm2016, senza il quale sarà stato perfettamente inutile fare il concorso.