Scuola Marche: Decreto fermo e Regione in ritardo

Tornare a scuola, per i docenti e gli studenti marchigiani, appare decisamente problematico. Questo nonostante lo scorso 8 giugno l’Ansa battesse la notizia dei numeri del piano scuole delle Marche con lo stanziamento di 139 milioni da investire per realizzare cinquantasette scuole in 40 plessi. In redazione giunge un comunicato stampa unitario Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola e Snals Confsal delle Marche sulle problematiche della scuola nei comuni del cratere sismico. Ne rimettiamo di seguito il testo integrale.

Gli studenti marchigiani terremotati avranno, secondo l’annuncio del Ministero, i libri di testo gratuiti ma rischiano di non avere un tetto sopra la testa o docenti in classe. L’allarme arriva da Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola e Snals Confsal delle Marche. Le sigle sindacali tornano a chiedere concretezza alle Istituzioni coinvolte perché, al di là degli incontri e dei comunicati stampa ufficiali di Regione e Ministero, al momento non ci sono certezze sulle risorse da destinare all’aumento dell’organico per quanto riguarda personale docente, amministrativi e collaboratori scolastici – in una Regione, per altro, che già in stato di normalità lavorava in emergenza – e sui tempi della ricostruzione.

«Da oltre sette mesi chiediamo alla Regione un tavolo di confronto – attaccano Leonilde Garganelli (Flc Cgil), Anna Bartolini (Cisl Scuola), Claudia Mazzucchelli (Uil Scuola) e Paola Martano (Snals Confsal) – e abbiamo appreso degli incontri con i sindaci e l’Ufficio scolastico regionale solo dalla stampa. A giugno sono state confermate le istanze che noi avevamo individuato e presentato al Miur lo scorso gennaio. Servirebbero ben altre tempistiche. Senza contare che le soluzioni individuate (mantenimento di classi e organici precedenti al sisma per tre anni), per quanto corrette, rischiano di essere vanificate dalla già avvenuta definizione delle dotazioni organiche, soprattutto per quanto riguarda la scuola dell’infanzia, l’istruzione primaria e secondaria di primo grado».

Potrebbe interessarti:  Permessi docenti di ruolo e precari

La soluzione che i sindacati hanno individuato è in un Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri che però è fermo alla presidenza di Palazzo Chigi. «Se approvato – proseguono le sindacaliste – si sbloccherebbero risorse specifiche per l’organico aggiuntivo a servizio delle scuole del cratere sismico. Già da settimane, le Organizzazioni Sindacali della scuola e le rispettive Confederazioni, si stanno prodigando in tal senso con frequenti contatti con tutte le forze politiche e con i parlamentari di riferimento del territorio. Auspichiamo che anche la Regione Marche faccia altrettanto per poter giungere a breve al varo di questo provvedimento».

«È comunque opportuno ricordare che le Organizzazioni Sindacali della nostra regione si sono fatte carico della tutela dei lavoratori immediatamente dopo il sisma, ottenendo la sottoscrizione, già dalla metà di novembre, dell’unico contratto decentrato regionale per l’utilizzo del personale del cratere. I sindacati hanno chiesto e ottenuto, inoltre, l’inserimento del blocco delle classi pre-sisma nella circolare ministeriale del 15 maggio scorso. Continueremo con impegno e tempestività a segnalare qualsiasi anomalia e inadempienza rispetto alle disposizioni adottate, lottando sempre per il futuro di studenti, territori e personale scolastico».