Graduatorie di Istituto 2017 scuola, valutazione domanda: quando si viene esclusi?
Graduatorie di Istituto 2017 scuola, valutazione domanda: quando si viene esclusi?

In quali casi la domanda per l’aggiornamento delle graduatorie di istituto 2017/20 nella scuola viene esclusa? Da poco si è diffusa la notizia che la scadenza della valutazione delle domande è stata prorogata al 13 luglio, per permettere alle segreterie un lavoro più sereno. I dati saranno visibili nella pagina personale del docente, alla voce Graduatorie di istituto di Istanze online. Quando saranno pubblicate le graduatorie provvisorie? A partire dal 26 luglio 2017, salvo modifiche. La pubblicazione avverrà gradualmente, ma nella stessa giornata saranno pubblicate tutte le scuole della stessa provincia. Il docente avrà 10 gg di tempo per presentare reclamo. Alcune domande potrebbero essere escluse dalla graduatoria. Per quali motivi? Di seguito l’elenco.

Motivi di esclusione della domanda per aggiornamento Graduatorie di Istituto 2017

Alcuni docenti potrebbero essere esclusi dall’aggiornamento delle graduatorie di Istituto 2017/20 per i seguenti motivi:

  • domanda presentata dopo la scadenza del 24 giugno;

  • domanda presentata con modelli diversi da quelli rilasciati dal Miur per il triennio 2017/20;

  • domanda priva di uno dei requisiti generali di ammissione indicati dall’art. 3 del dm n. 374 del 1/6/2017;*

  • mancanza del titolo di accesso ottenuto entro il 24 giugno 2017;

  • domanda presentata in più istituzioni scolastiche, nella stessa provincia o in province diverse;

  • aver inserito dichiarazioni non veritiere;

  • aver dichiarato di nuovo o riprodotto titoli già presentati precedentemente, oggetto o meno di valutazione, con le eccezioni indicate nel DM n. 374 del 1° giugno 2017, art. 4, comma 13.

     Miur e graduatorie d’Istituto: il nuovo anno scolastico inizierà nel caos?

* motivi di esclusione da art. 3 dm n. 374 del 1/6/17

telegram-scuolainforma-336x280

a) chi è escluso dall’elettorato attivo politico;
b) chi è stato destituiti o dispensato dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento;
c) chi è stato dichiarato decaduti da un impiego statale, ai sensi dell’art. 127, primo comma, lettera d) del decreto del Presidente della Repubblica 10 gennaio 1957, n. 3, per aver conseguito l’impiego mediante la produzione di documenti falsi o viziati da invalidità non sanabile, o sia incorso nella sanzione disciplinare della destituzione;
d) chi si trova in una delle condizioni ostative di cui alla legge 18 gennaio 1992, 11. 16;
e) chi si trova temporaneamente inabilitato o interdetto, per il periodo di durata dell’Inabilità o dell’interdizione;
f) chi è incorso nella radiazione dall’albo professionale degli insegnanti;
g) i dipendenti dello Stato o di enti pubblici collocati a riposo, in applicazione di disposizioni di carattere transitorio o speciale;
h) gli insegnanti non di ruolo, che siano incorsi nella sanzione disciplinare dell’esclusione definitiva o temporanea dall’insegnamento, per tutta la durata di quest’ultima sanzione.

Graduatorie di Istituto 2017/20, tutto sul modello B: le faq